Prosegue la kermesse all'istituto cassanese

“Cassanoscienza”, al Liceo Leonardo giornata “stellare”

Terza giorno ricco di eventi per il festival della scienza piu' giovane d'Italia

Cultura
Cassano giovedì 16 aprile 2015
di Gabriella Campanale
Cassanoscienza
Cassanoscienza © Cassanoscienza

Giornata stellare per il “Leonardo”, quella  ieri.

In mattinata, videoconferenza con tre ricercatori italiani del CERN di Ginevra, la dott.ssa Noemi Calace, il dott. Silvio Donato ed il dott. Felice Pantaleo, ex studente proprio del liceo Leonardo.

Nella conferenza  si è ribadito che il CERN (Conseil Européen pour la Recherche Nucléaire) è il più grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle e si trova al confine tra Svizzera e Francia nella periferia di Ginevra. Qui, i fisici esplorano i segreti della materia e le forze che regolano l'universo. Scopo principale del CERN è quello di fornire ai ricercatori gli strumenti necessari per la ricerca. Uno dei più importanti, a tal riguardo, è l’acceleratore di particelle del quale il laboratorio svizzero vanta il più grande e potente realizzato finora: l’HCL.

Pochi mesi fa, proprio la 4^B del “Leonardo”, accompagnata dal prof. Racano, ha visitato il CERN ed è in virtù della loro esperienza, che proprio loro, ieri, sono stati protagonisti, insieme agli ospiti ginevrini, della videoconferenza.

Nel pomeriggio, il Festival è proseguito con un'interessantissimo incontro con il Prof. Alessandro Volpone, docente di storia della biologia evoluzionistica all’Università degli studi di Bari, il quale ha illustrato un nuovo modo di approcciarsi al mondo scientifico parlando di epistemologia della scienza. Unendo biologia e filosofia, il professore ha tenuto una conferenza che segue il fil rouge del festival: "trasformazioni come ereditarietà di variazioni”. Di notevole interesse la sua lettura ed interpretazione della teoria evoluzionistica darwiniana vista da due diversi blocchi ideologici, quello filo-sovietico e quello "filo-NATO". Il docente, che ha catturato magistralmente l’attenzione del pubblico, ha poi concluso con un concetto sul quale continuare a  riflettere: “Darwin è stato uno scienziato acuto e lungimirante, ma resta pur sempre un naturalista della sua epoca”.

Verso sera, come anticipato nell’articolo di ieri, siamo entrati nel mondo di pianeti e astri. Relatore della conferenza “Dalla galassia alle galassie: evoluzione della visione del cosmo” il Dott. Vincenzo Coppa che ha sostituito il Dott. Gianluca Masi - astrofisico e direttore  Astronomico di Acquaviva, impossibilitato ad essere presente per impegni professionali.

La conferenza è stata preludio di un momento magico che ha visto il piazzale del Liceo diventare un vero osservatorio astronomico: di lì, infatti, è stato possibile osservare le stelle “de-visu”; esperienza decisamente emozionante, l’avvistamento di alcune stelle e del pianeta Giove. Si prosegue oggi pomeriggio, essendo subentrata una variazione al programma relativo alla conferenza prevista per la mattinata.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette