Ai 114 istituti già finanziati si aggiungono altre 64 scuole superiori di tutta la Puglia

Formazione all'estero, nuovi fondi regionali: I.I.S.S.

Il bando della Regione dà agli alunni di scuole superiori la possibilità di formarsi in istituti di altri Paesi europei

Attualità
Cassano giovedì 09 marzo 2017
di La Redazione
Liceo Tarantino
Liceo Tarantino © liceogravina.it

Nuovi fondi dalla Regione per gli Istituti Scolastici di Istruzione Secondaria della Puglia.

Scorre la graduatoria approvata nelle scorse settimane dei progetti presentati dai vari Istituti nell’ambito dell’avviso pubblico sul “Rafforzamento delle competenze linguistiche” degli studenti all'estero, pubblicato dalla Regione.

Grazie ad una delibera adottata ieri dalla Giunta regionale, infatti, verranno finanziati i progetti di altre 64 scuole superiori di tutta la Puglia.

A comunicarlo è il consigliere regionale Enzo Colonna: «L’esecutivo regionale ha disposto un ulteriore finanziamento della misura per altri 5 milioni di euro, in aggiunta ai 10 milioni inizialmente previsti, consentendo così uno scorrimento della graduatoria. Si aggiungono ai 114 istituti già finanziati.»

«Come ho già sottolineato da quando ho cominciato a seguirne l’iter, - prosegue Colonna - si tratta di un bando che dà la possibilità agli alunni di queste scuole di formarsi in istituti di altri Paesi europei di comprovata esperienza per migliorare le proprie competenze linguistiche di base, acquisite in ambito scolastico. Al termine dei corsi, della durata di 3 o 4 settimane, gli studenti avranno la possibilità di conseguire certificazioni finali riconosciute a livello internazionale e spendibili nel mercato del lavoro e/o nei percorsi universitari.
 

Per quanto riguarda in particolare l’area murgiana, ad Altamura al liceo classico “Cagnazzi”, che già rientrava nella prima graduatoria approvata, si sono aggiunti l’istituto di istruzione secondaria superiore “Nervi-Galilei”, il liceo scientifico e linguistico “Federico II di Svevia”, l’istituto di istruzione secondaria superiore “De Nora” e l’istituto tecnico economico statale “F.M.Genco”.

Ammessi ora a finanziamento i progetti degli istituti “Bachelet-Galilei” di Gravina e “Leonardo da Vinci” di Cassano delle Murge, che si aggiungono a quelli del liceo “Tarantino” di Gravina, dell’istituto “Pietro Sette” di Santeramo, dell’istituto “Ricciotto Canudo” di Gioia del Colle, degli istituti “Colamonico-Chiarulli”, “Don Milani” e “Rosa Luxemburg” di Acquaviva delle Fonti, del liceo “Tedone” di Ruvo, degli istituti “Oriani-Tandoi” e “Federico II-Stupor Mundi” di Corato, dell’istituto “G.B. Vico” di Laterza e del “Bellisario-Sforza” di Ginosa, già finanziati.

La misura è riservata agli studenti iscritti alle classi III e IV di tutti gli Istituti Scolastici di Istruzione Secondaria Statali per l’Anno Scolastico 2016/2017, agli allievi della II e III annualità dei percorsi triennali di IeFP (Istruzione e Formazione Professionale) e agli allievi del l e del II anno delle Fondazioni ITS (Istituti tecnici superiori). Il numero di allievi per ogni progetto non dovrà superare quello di 18 e comunque non dovrà essere inferiore a 8. Prevista la presenza di massimo 2 docenti/tutor accompagnatori, dei quali uno in possesso di competenze linguistiche specifiche relative al Paese di destinazione. Tra le spese ammissibili rientrano quelle di viaggio, soggiorno e vitto, trasferimenti vari, realizzazione del corso e assicurazione per allievi e tutor/accompagnatori. I progetti dovranno concludersi inderogabilmente entro il 30 settembre 2017.

Sono molto soddisfatto - conclude Colonna - per lo scorrimento della graduatoria che avevo auspicato a gennaio quando era stata pubblicata la prima selezione perché questa imperdibile opportunità viene data anche ad altri giovani pugliesi. Agli oltre 2000 studenti già coinvolti nelle prime progettualità finanziate se ne aggiungono ora almeno altri 1000. Ringrazio il Presidente Emiliano e l’Assessore regionale Sebastiano Leo per questa estensione della misura che conferma la capacità progettuale e innovativa della Regione Puglia in un settore molto delicato come quello della formazione.»

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette