Per valorizzare il nostro grande patrimonio

Tre borse di studio da 2500 euro per la ricerca e l'innovazione nel "Cuore della Puglia"

Li bandirà la Fondazione “Albenzio-Patrino” di Cassano su richiesta dell'associazione di Comuni “Cuore della Puglia”, che cofinanzia il progetto con 7000 euro

Attualità
Cassano venerdì 05 gennaio 2018
di La Redazione
Il logo ufficiale di Cuore della Puglia
Il logo ufficiale di Cuore della Puglia © Cuore della Puglia

"Tre borse di studio da 2500 euro per la Ricerca e Innovazione nel Cuore della Puglia”.

Li bandirà la Fondazione “Albenzio-Patrino” di Cassano su richiesta dell'associazione di Comuni “Cuore della Puglia”, che cofinanzia il progetto con 7000 euro.

I temi su cui si dovranno esercitare i candidati: “la valorizzazione del paniere dei nostri prodotti tipici, la lotta all'inquinamento delle campagne, la valorizzazione del sistema dei beni culturali, materiali e immateriali, del Cuore della Puglia”.

Nata nel 2013, la Fondazione è sorta per iniziativa della famiglia Albenzio-Patrino ha messo a disposizione un fondo patrimoniale finalizzandolo ad accrescere nelle comunità il senso di appartenenza a radici comuni. Recentemente il suo presidente Francesco Giustino, economista senior presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, nel corso dell'Assemblea plenaria del Comitato europeo per la democrazia e la governance del Consiglio d'Europa (CoE) è stato eletto ad amplissima maggioranza Vice-Presidente del Comitato dalle delegazioni dei 47 Paesi membri del Consiglio d'Europa.

“Cuore di Puglia”, invece, è l’associazione ideata da Davide Carlucci, sindaco della vicina Acquaviva delle Fonti, che riunisce le amministrazioni comunali pugliesi più attente alla valorizzazione del proprio patrimonio agroalimentare e di cui fa parte anche il nostro Comune.

Sulla borse di studio ne saprà di più a breve.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette