Dopo le sollecitazioni di minoranza e cittadini

Mühlenbecker Land, dopo il “grande silenzio” (forse) riparte il gemellaggio con il comune tedesco

Scambio epistolare tra la sindaca e il “bürgermeister” di origine cassanese Filippo Smaldino. Con l'invito "impossibile"

Attualità
Cassano mercoledì 08 agosto 2018
di La Redazione
Filippo Smaldino-Stattaus, sindaco di Mühlenbecker Land
Filippo Smaldino-Stattaus, sindaco di Mühlenbecker Land © Gianni Spina

Avrà un futuro il gemellaggio con la comunità tedesca di Mühlenbecker Land, guidata dal sindaco “cassanese” Filippo Smaldino, a cui si è iniziato a lavorare negli anni scorsi?

Il primo a chiederselo – e non da oggi purtroppo - è proprio il “Bürgermeister” della comunità brandeburghese.

“Sehr Ruhig” ha scritto il sindaco Smaldino nei giorni scorsi sui social: un “grande silenzio” è caduto sulla amicizia tra le due comunità.

Infatti, la fine prematura della giunta del sindaco Vito Lionetti, l’intermezzo commissariale e soprattutto l’insediamento dell’amministrazione Di Medio a piazza Moro, hanno affossato in questi ultimi due anni il rapporto che si stava costruendo tra le due comunità.

Che ha avuto il suo apice durante il mandato di Lionetti.

A dirlo è lo stesso Smaldino, ripercorrendo le tappe di un cammino da lui fortemente voluto ed iniziato: «Voglio ricordare – scrive su Facebook ai suoi concittadini tedeschi - che dopo gli incontri bilaterali del 2013 e del 2014 dei rispettivi Comuni, la nostra Amicizia raggiunse il suo culmine nell’Agosto 2016, in occasione della Festa Patronale. Il nostro Coro “Lindenbaum” affascinò tantissimi cittadini con i suoi canti, come pure i nostri calciatori “Over 45” dell’Associazione sportiva SG Zülsdorf giocarono in modo formidabile».

Die Stagnation” – la “stagnazione” nei rapporti tra le due amministrazioni, il sindaco tedesco usa proprio questo termine - ha creato anche qualche serio imbarazzo allo stesso Smaldino, che ha sempre creduto (e investito) nel gemellaggio, costretto a respingere in patria gli attacchi della “Oppositionspolitik” che chiedeva conto dello stallo infinito in cui era caduta l'iniziativa internazionale da lui voluta (stallo causato dal Comune di Cassano).

Questo nonostante le sollecitazioni del gruppo consiliare di minoranza “Più Cassano”, che già nel luglio del 2017 - un mese dopo l’insediamento della sindaca Di Medio - aveva invitato la nuova amministrazione comunale a dare seguito ai rapporti instaurati con la Germania: prima una lettera a firma del consigliere Davide Del Re e della traduttrice Azzurra Mastrangelo (che ha svolto il ruolo di collegamento tra le due comunità), con la quale si offriva alla maggioranza la disponibilità del gruppo a collaborare al progetto di gemellaggio; poi una interpellanza dello stesso ex vice sindaco, per chiedere cosa la sindaca intendesse fare per non far perdere a Cassano questa preziosa opportunità di confronto e crescita culturale ed economica.

Inutile dire che dalla sindaca non è giunta mai alcuna risposta.

Ora è la stessa Di Medio che, seppure in maniera non troppo convincente, riaccende la speranza che il lavoro svolto dall’amministrazione Lionetti non vada perso.

E lo fa con una lettera inviata all’omologo tedesco che contiene (oltre alle sue scuse per il “sehr Ruhig” di cui sopra) l’invito a riallacciare i rapporti tra i due Municipi.

Ma come in altre circostanze che riguardano il rapporto con la comunità di Mühlenbecker Land, la “gaffe” è sempre dietro l’angolo.

Difficile scordare il ritardo della sindaca alla cerimonia di accoglienza della delegazione tedesca nel 2013, svolta peraltro in una sala consiliare desolatamente vuota.

O la mancata risposta (neanche un cenno, fosse solo per una questione di buona educazione) all’invito a venire in Germania fatto dal sindaco Smaldino all’amministrazione comunale, dimenticato in qualche cassetto del palazzo municipale.

Questa volta la sindaca inciampa sulle date e sui tempi: il 26 luglio, infatti, la Di Medio invita il sindaco Smaldino a presenziare alla solenne processione del 2 agosto scorso. Organizzare una “visita istituzionale” in meno di una settimana è troppo anche per gli efficientissimi e precisissimi tedeschi. A maggior ragione se l’omologo di Germania è in vacanza.

«Con grande sorpresa, oggi al ritorno dalle mie vacanze, ho trovato una lettera del Sindaco, dott.ssaMaria Pia Di Medio», scrive infatti sulla sua pagina Facebook il sindaco Smaldino.

«Nella lettera mi invitava ufficialmente per il 2 agosto, al fine di riallacciare i rapporti di Amicizia dei nostri comuni. Purtroppo l’invito è sopraggiunto troppo ravvicinato e non ho potuto prenderlo in carico.

Una risposta da parte mia sarà fornita e, chissà, forse ci sarà un seguito.

Tutto sommato ci sono state buone intese finora e in entrambi i comuni ci sono cittadini e cittadine che hanno notevoli aspettative per una possibile continuazione. Vediamo!».

E allora: «Schauen wir mal»! Vedremo!

Lascia il tuo commento
commenti