La solitudine come fenomeno sociale: intervista al Sindaco

Il fenomeno sociale della solitudine è sempre in agguato:ne parliamo con il Sindaco.

Abbiamo affrontato il tema della solitudine e ne abbiamo parlato con il Sindaco del nostro paese.

Cultura
Cassano mercoledì 13 settembre 2017
di Paola Massaro
Il sindaco Di Medio
Il sindaco Di Medio © Cassanolive

La solitudine è come un iceberg: quello che vediamo è solo la punta”. Lo dice John T. Cacioppo, professore di psicologia e direttore del Center for Cognitive and Social Neuroscience dell’Università di Chicago. “La fenomenologia della solitudine, infatti, è una piccola parte della storia, perché il resto si manifesta a livello inconscio”.

La solitudine è un fenomeno in aumento. Quante volte ascoltiamo in televisione (o anche attraverso i social-media) fenomeni di abbandono, di suicidio, scene di violenza inaudita. Qualche giorno fa un uomo di circa settant'anni è stato trovato morto in casa. Tutto ciò è avvenuto a Cassano, precisamente nel nostro paese.

Abbiamo posto alcune domande al Sindaco per capire meglio come poter affrontare la situazione.

"Sign. Sindaco com'è possibile che sia avvenuto tutto ciò?"

"E' difficile per un Ente pubblico come il Comune occuparsi del fenomeno della solitudine poiché si tratta di un fenomeno globale che riguarda la società e a loro volta, i rapporti umani fra le persone. Dobbiamo comportarci da esseri umani : è responsabilità di tutti preoccuparsi degli altri chiunque essi siano: parenti, amici, vicini di casa, etc. Bisognerebbe in primis, riacquistare il valore della famiglia: l'indifferenza fa male e lo strumento principale di trasmissione dell'educazione è la famiglia".

"Le istituzioni non possono far nulla per risolvere tale problema?"

"Noi possiamo solamente sensibilizzare le famiglie e i cittadini di Cassano. Esiste un progetto regionale che permette di pagare un famigliare che a sua volta, assiste il parente che ha bisogno di assistenza (Ci sono due tipologie di progetti: ReD:: reddito di disoccupazione e il reddito di cittadinanza) . In questo modo è possibile aiutare le famiglie con un reddito basso e che hanno un parente bisognoso di assistenza".

Il Sindaco inoltre, ha affermato che: "Tutti dovrebbero farsi un esame di coscienza e ognuno di noi sceglie di vivere in modo autonomo . Noi in quanto Ente non possiamo invadere la privacy dei cittadini ma possiamo offrire servizi di supporto psicologico e morale e servizi di assistenza. Siamo entità e come direbbe la Prof.ssa Leddomade : 'Siamo monadi nomadi' ovvero delle entità ed ognuno di noi ha delle 'propaggini' oltretutto, siamo interconnessi con la natura e l'Universo. Bisognerebbe eliminare ogni forma di pregiudizio e creare un dialogo continuo e incessante".

"Chi non ama la solitudine non ama neppure la libertà perché si è liberi unicamente quando si è soli" ( Arthur Shopenhauer) .


Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette