Nessun fischio: il treno non c'è

"Un bello e orribile mostro si sferra": Carducci profetizzava ciò che sarebbe avvenuto a Cassano?

Quando vi è un disservizio e non si è in grado di coglierne la gravità

Cultura
Cassano martedì 14 novembre 2017
di Francesca L. Straziota
Sita
Sita © SanteramoLive.it

Un bello e orribile

Mostro si sferra [...]

(Carducci, Inno a Satana)

Dicesi treno " convoglio ferroviario, e cioè colonna di vetture e vagoni trainati da una locomotiva o da un locomotore, o anche vettura o coppia di vetture automotrici, che compie un determinato percorso tra due stazioni di una linea ferroviaria" (Enciclopedia Treccani online). Definizione alquanto complessa per molte utenze, le quali non riconoscono l'utilità di un mezzo che consentirebbe un servizio facile e veloce.

Gli autobus Sita, di cui abbiamo più volte parlato, permettono collegamenti non sempre efficienti, soprattutto per quanto riguarda la velocità e le ultime corse serali. E' possibile compiere viaggi di 30 o 40 km in un tempo che oscilla mediamente tra 50 e 60 minuti? Per coloro che non vivono l'esperienza "pendolare" verso Bari o paesi limitrofi, il problema non sussiste. La questione, però tocca particolarmente chi per ragioni di lavoro o di studio è costretto a spostarsi con una certa frequenza.

Occorre ricordare che, in passato, la proposta di istituire un collegamento ferroviario sembrava quasi aver raggiunto un punto di svolta, ma vi fu un'aspra opposizione da parte della cittadinanza, che assunse posizioni ambientaliste, volte alla difesa del territorio e dei campi: azione tutt'altro che riprovevole, ma che trascurava l'opportunità di offrire alla collettività un'occasione di rilancio del paese, possibile attraverso un maggiore contatto con l'esterno.

Ci si augura che prevalgano il buonsenso e il progresso sull'immobilismo e la staticità.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette