Al via con il nuovo anno scolastico

"Favole ribelli" per educare alla pace e al rispetto delle differenze

Finanziato dalla Regione il progetto dell'associazione "No More Difesa Donna" in rete con "Officine del Sud" e "Insieme"

Cultura
Cassano mercoledì 04 luglio 2018
di La Redazione
Bandiera della pace
Bandiera della pace © n.c.

Educare alla “non discriminazione” ed alla multiculturalità attraverso le fiabe, strumento che i bambini utilizzano per dare sfogo alla propria fantasia e per costruire la conoscenza del mondo futuro.

E’ l’obiettivo di “Favole ribelli”, progetto ideato dall’associazione cassanese “No More Difesa Donna” che in rete con le associazioni “Officine del Sud” e “Insieme” e con il partenariato del Comune di Cassano, del Garante per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza e dell’Ambito Sociale di Zona, risultato fra i vincitori dell’Avviso Pubblico che la Regione Puglia ha emanato lo scorso maggio per sostenere progetti relativi all’educazione alla pace ed al rispetto delle differenze fra i popoli del Mediterraneo.

“Favole ribelli” si avvarrà della collaborazione dell’Associazione “Insieme” che a Cassano gestisce la scuola paritaria dell’infanzia; i bambini dai 3 ai 5 anni costruiranno, insieme alla insegnanti e guidate dalle esperte dell’associazione “No More-Difesa Donna”, sei libri sensoriali, dopo averne inventato la trama, sul tema della non discriminazione e della valorizzazione delle differenze culturali e di genere.

No agli stereotipi, insomma: sì alla conoscenza delle differenze ed alla loro piena interazione.

Abbiamo voluto e realizzato con entusiasmo questa rete fra soggetti privati del volontariato sociale e partner pubblici – ha dichiarato la Presidente di “No More Difesa Donna”, Raffaella Casamassima – un piccolo esempio di come le sinergie funzionano egregiamente anche nel nostro paese se perseguite con chiarezza di scopi e trasparenza, al fine di realizzare progetti concreti che vedono protagonisti i bambini cassanesi”.

Il progetto, che ha ottenuto un finanziamento regionale di oltre 5mila euro, comincerà con il nuovo anno scolastico.

Lascia il tuo commento
commenti