La risposta del vice sindaco al gruppo Siamo Cassano

Giustino: «Dall'opposizione solo bufale»

«Nessun patatrac» scrive il vice sindaco ai consiglieri Catucci e Zullo, ma solo «lavoro senza selfie e senza clamore»

Politica
Cassano lunedì 12 febbraio 2018
di La Redazione
L'assessore Giustino
L'assessore Giustino © n.c.

Chiamato in causa più volte dal gruppo consiliare "Siamo Cassano", il vice sindaco Angelo Giustino risponde all'opposizione con una sua nota.

«Da qualche tempo - scrive l'esponente di Fratelli d'Italia - assistiamo al più bieco spettacolo di cabaret politico.

Un sordido modo di fare politica inscenato da una parte delle opposizioni.

Puro terrorismo mediatico, con il quale si vorrebbe far passare il concetto che l’Amministrazione comunale possa aver cagionato all’Ente un danno di proporzioni colossali.

In realtà di colossale c’è solo la loro bufala questa, come le tante altre che in questi giorni stanno circolando sul web.

Inutile dire che con le Delibere di Giunta Comunale nn. 5 e 8 del 2018 è stata CORRETTAMENTE azionata una procedura cautelativa che, venendo meno le necessità, è stata poi revocata.

Addirittura, edificando inconsistenti castelli di sabbia si è arrivati ad ipotizzare per il Comune di Cassano delle Murge il “patatrac”, nientemeno hanno ipotizzato “una modifica peggiorativa dell’obiettivo di saldo finale di competenza per un importo pari a €. 630.511,27. [...] la capacità di spesa del nostro Comune si ridurrà di oltre 630 mila euro e Cassano andrà sempre più a fondo”.

CHIACCHIERE, sempre e solo chiacchiere, le stesse che da maggio 2017 continuano a somministrare.

Ai soliti GUFI che, certamente non hanno a cuore le sorti del Nostro Paese ma, evidentemente, soltanto la loro visibilità per fini elettorali, si rispediscono al mittente le inutili quanto insussistenti accuse.

Anche questa volta, il loro vaticinio ha fatto “flop” ed il MEF ha FORMALMENTE accettato la revoca per Cassano e per tutti gli altri comuni italiani che ne avevano fatto richiesta NEI TERMINI, senza sanzioni e senza penalità.

Tante volte studiare ed approfondire eviterebbe figuracce e strafalcioni che incentivano quella tensione sociale che Noi ci siamo posti l’obiettivo di contrastare.

Bufale studiate ad arte per adombrare un governo cittadino che, senza selfie e senza clamore, sta lavorando per il futuro di Cassano.

Agli stessi oppositori che dicono di non vedere in Comune gli amministratori, consiglio di scendere dal piedistallo di cartone che si sono costruiti.

Tornate al livello di noi comuni cittadini, frequentate il Palazzo di Città, entrate negli uffici e lì ci troverete a lavorare.

Ovviamente, sino a quando in Comune arriveranno delegati e segretari difficilmente saranno comprese le difficoltà in cui versa l’Ente e men che meno il lavoro svolto da TUTTA la squadra.

Ricordo agli stessi che cambiare idea e revocare atti approvati è sintomo di saggezza, esercizio di studio ed approfondimento e non di inefficienza.

Alla stessa opposizione, tanto presente sul web e poco tra i cittadini occorrerebbe spiegare la storia recente di Cassano perché pare che in questo comune non abbiano mai abitato.

Al Capogruppo Catucci, che solo con il comunicato del 06.02.2018 si è resa conto che il “Centro Medico degli Istituti Maugeri” è un “polmone economico della nostra cittadina” occorre evidentemente ricordare che il Suo collega di opposizione, negli ultimi 4 anni, pur rivestendo un ruolo preminente in Regione mai una parola ha speso contro il trasferimento a Bari dell’Istituto.

L’Amministrazione Di Medio sta lavorando alacremente per scongiurare un trasferimento cercando di colmare un vuoto politico di 4 lunghi anni.

Questa Amministrazione è pronta a fare qualsiasi cosa pur di salvare il salvabile e siamo pronti ad esibire ogni documento che lo attesti.

Allo stesso tempo saremmo ben lieti di leggere ogni tipo di interpellanza, interrogazione, mozione in sede regionale che attesti la vostra sensibilità al tema.

In assenza, evidentemente, anche questa Vostra palesata sensibilità al tema dovrà essere classificata come strumentale e di facciata.

NON si può essere sensibili al Maugeri in Consiglio Comunale e completamente assenti in Consiglio Regionale.

NON si può considerare il Maugeri un “polmone economico” in Consiglio Comunale e IGNORARLO completamente in Consiglio Regionale.

NON ci si si può occupare della chiusura del reparto di Pediatria del Miulli di Acquaviva delle Fonti senza però spendere mezza parola sul trasferimento del Maugeri di Cassano delle Murge.

Questo è il NULLA, non altro.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Gran botta ha scritto il 12 febbraio 2018 alle 21:44 :

    Giustino, questa volta ti è andata bene: avete avuto fortuna... Ma a tirare la corda, prima o poi si spezza. Non fateci vergognare di avervi come amministratori. Rispondi a Gran botta