Memorie e Folklore

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

Alla Nezzejàte o nàte o chiandate.


All’Annunciazione (25 marzo), o nato, o seminato.

Alla Nezzejàte u semenàte dalla terre s’è lecenziàte.


All’Annunciazione (25 marzo), il seminato della terra s’è licenziato.

A fernute de mète e de pesà.


Hai speso tutti i soldi che ti ho dato, ora arrangiati.

Agli’andre, agli’andre.


Camminare a tentoni.

Amice e chembàre se parle chiare.


Con gli amici e coi compari si parla chiaro.

Alla ‘nganelore tutt’ì gaddìne arrivene a gli’ove.


Alla Candelora, tutte le galline iniziano a fare le uova.

Alla ‘nganelore ce na nnèveche e na cchiòve, la vernàte na nnè fòre.


Alla Candelora, se non nevica e non piove, l’inverno non è fuori.

Alla ‘nganelore, ballene fràte e ssòre.


Alla Candelora, ballano fratello e sorella.

A Sande Catalle, passe u fridde e vène u calle.


A San Cataldo, passa il freddo e viene il caldo.

A Sanda Catarine, la nève alla spine.


A Santa Caterina (25 novembre) la neve alla spina.

Alla vecchièzze Ceciglie fò candàte.


Quando Cecilia divenne anziana, venne lodata.

A ddò sté u fume, na rrèscene i còrne.


Dove c’è fumo non ristagnano le corna.

Abbùttete puttàne ch’è venùte u gebbellè.


Saziati puttana ch’è venuto il giubileo.

A ffrèca chembàgne.


Soggetto che approfitta dell’amicizia per gabbare l’amico.

Ammendeuànne u diavele spòndene i corne.


Nominando il diavolo spuntano le corna.

A Sande Vite, o vèrde o seccate, vu metite.


A San Vito, o verde o secco, il campo dovete mieterlo.

A Sand’Anduène maskere e ssuène.


A Sant’Antonio Abate maschere e suoni.

A pète a pète se fàsce u parète.


Pietra su pietra si costruisce il muro a secco.

A gridde, a gridde, ogn’une penze pe jidde.


A grillo, a grillo, ognuno pensa per se stesso.

Ame fàtte come llà famigghje de Don Celèste, ce se jàlze prime se vèste.


Siamo diventati come la famiglia di Don Celeste, chi si alza prima si veste.

A luéche stritte, sckaffete menze.


A luogo stretto, infilati nel mezzo.

Andire, andire, jòsce na nnè com’à jire.


Piano, piano, oggi non è come ieri.

Aprile, na ccangià vestite.


Aprile, non cambiare indumenti.

Aprile chiòva, chiòve, màsce jùne e bbòne.


Aprile, piove, piove, maggio una e buona.

A ffà la varve au ciucce, se perde jàcque, sapone e timbe.


Fare la barba all’asino, si perde acqua, sapone e tempo.

A ddò batte Martine sembe all’uàrve dla fiche reggine.


Martino batte sempre sullo stesso tasto.

A case de senatùre nan’gè vòlene matenàte.


Alla casa dei suonatori non si portano serenate.

A case de poveridde na mmanghene stòzze.


Alla casa dei poveri non mancano pezzi d pane.

A case a bbresciàte ficchenge fuèche.


Alla casa bruciata continui ad alimentare il fuoco.

Annùsce che ttè e mange che mmè.


Porti con te e mangi con me.

Aspitte ciucce mì quànne arrìve la pagghja nòve.


Aspetta asino mio quando arriva la paglia nuova.

Attacche u ciucce a ddò vole u patrone.


Leghi l’asino dove indica il padrone.

Ai giùvene ‘ngiona lùsce i carne, ai vicchje i panne.


I giovani devono avere carni sode e lisce, i vecchi panni puliti.

Allègre de chiàzze, trùvele de càse.


Allegro in piazza, burbero e autoritario in famiglia.

All’arte, all’arte, u lùpe a llì pèchere.


Ognuno deve fare il proprio mestiere, il lupo deve uccidere le pecore.

Amàre alla vocche, dolce a llù còre.


Amaro alla bocca, dolce al cuore.

A Sande Lecìje, crèsce n’uècchie di gaddìne la dije.


A Santa Lucia la giornata cresce di un occhio di gallina al giorno.

Addevine e fatte ricche.


Indovina e fatti ricco.

Abbàsce ca vinne.


Cala il prezzo che vendi.

A zippe ‘ngùle.


Lavorare in campagna il terreno, in fila, a tamburo battente.

A cusse munne cudde ca disce u ggiùste jé maleviste.


In questo mondo chi dice la verità è malvisto.

Bànne, Felippe e ttutte.


Ora siamo al completo: banda, Filippo e tutti gli altri.

Bellezze na rrésce alla càse.


Bellezza di donna non resta a casa.

Bellezze jé mènza dòte.


Bellezza di donna è mezza dote.

Ce a nnà vànne na ssì ‘mbetàte com’a ciucce si trattàte.


Quando ad una festa ti presenti senza invito, vieni trattato come un asino.

Ci fa ccùlte, fa mmùlte.


Chi coltiva la terra, fa un buon raccolto.

Carna volacchjie, ma ca fosse cornacchie.


Si può mangiare qualsiasi carne di volatile, compresa la cornacchia.

Che rùscete e che mùscete.


Voglia o non voglia gli ordini li esegui lo stesso.

Ce belle ué paré, mitte màne a llù versidde du gelè.


Se vuoi sembrare bello prendi i soldi dal taschino del gilet.

Ce na ppàsse la fère de Gravine, bene non avìme.


Se non passa la fiera di Gravina (17-18 aprile), non arriva il bel tempo.

Ce arrive prime careche.


Chi arriva primo fa da padrone.

Ce tarde arrìve màle allogge.


Chi tardi arriva male alloggia.

Ce vòle fà u veccòne gruésse, se nèche.


Chi vuole ingoiare un boccone grosso, si strozza.

Ce frebbàre na frebbarèsce, marze male pènze.


Se a febbraio non fa freddo, ci pensa marzo.

Ce marze vòle fà, u mjire jind’ì vutte te fàsce quagghjà.


Se marzo s’impunta ti fa gelare il vino entro le botti.

Ce marze vòle fa, gli’ògne dì màne te fàsce zembà.


Se marzo s’impunta (per il freddo), ti fa saltare le unghie dalle mani.

Ce pèchere te fèje, u lùpe te mànge.


Se pecora ti fai, il lupo ti mangia.

Ce zàppe bève all’acque, ce pùte bève u mjire.


Chi zappa beve acqua, chi pota beve il vino.

Ce s’embicce làsse ‘mbecciàte.


Chi s’impiccia delle cose altrui rimane impicciato.

Ce manèsce, checchiarèsce.


Chi maneggia soldi od altro, ci guadagna.

Ci làsse la stràta vècchie e pigghja la nòve, sàppe ce làsse e na ssàpe ce tròve.


Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa cosa lascia e non sa cosa trova.

Ce na ttè ué pegghja pène, pigghi’u mùnne come vène.


Se non vuoi rammaricarti, prendi il mondo come viene.

Ce na vvòle fa u migghje, fàsce u migghje e u megghjàre.


Chi non vuole fare un miglio, fa il miglio e anche di più.

Ce ué jèsse apirte e avè la làne, na ttezzelanne maje la porte chì màne.


Se vuoi trovare la disponibilità degli altri e ricevere favori, non bussare mai alla porta con le mani.

Ce belle ué parè, ogne juèsse tadà dlè.


Se bello vuoi apparire, ogni osso sarà dolorante (sborsando moneta).

Ce lunghe la vòle, corte la spèzze.


Chi lunga la vuole, corta la spezza.

Ce ‘nge deje u pàne au cane strànie, pirde un pàne che tutt’ù cane.


Chi da il pane al cane degli altri, perde il pane e pure il cane.

Cane e figghje de puttàne, na cchiùdene maje la porte chì màne.


Cani e figli di puttana, non chiudono mai al porta con le mani.

Chiù rènne a cchiù penne.


Più ti fermi e più tempo occorre per ultimare il lavoro.

Chiù picche sìme e megghje parìme.


Meno siamo e meglio sembriamo.

Chetarre e sckeppette portene la câse nétta, nétta.


Chitarra e schioppo impoveriscono la casa.

Chernùte e mazzejàte.


Cornuto e bastonato.

Ci azzette jé ‘mbise.


Chi dice la verità viene impiccato.

Ci téne nàse téne creiàanze.


Chi ha naso ha creanza.

Ci aspitte u piatte de gli’alde, cudde tu’ tu mange fridde.


Se aspetti il piatto degli altri, quello tuo lo mangi freddo.

Ci camine lècche, ce se ferme sècche.


Chi cammina vegeta e guadagna, chi si ferma muore.

Ci mange e càche, devende Pape.


Chi mangia e fa scorreggi, diventa Papa.

Ci na tténe pensjire, téne gamme.


Chi non ha pensiero ha le gambe.

Ci na tténe uàje e li va cchiànne, benedette Djie ca n’gì li manne.


Chi non ha guai e se li va a cercare, benedetto Dio che glieli manda.

Ci te fàsce màle la vende, fatte dàje nu calce de scemmende.


Se ti fa male la pancia, fatti dare un calcio da una giumenta.

Ci ‘u centesime na ccùre, nu centesime na vvàle.


Chi il centesimo non cura, un centesimo non vale.

Ci na ffàbbreche a na mmarìte, u mùnne nu sàpe miche.


Chi non si fa costruire una casa e non si marita, il mondo non lo conosce mica.

Ci na cchiàme cu descetudde, na vvéne cu petudde.


Chi non chiama col dito, non viene col piede.

Ci addemmanne na ffàsce errore.


Chi chiede non commette errori.

Ci megghje pòte, megghje fàsce.


Chi meglio può, meglio opera.

Ci spàrte jàve la megghja pàrte.


Chi divide due contendenti ha la meglio.

Ci sté sotte, rèsce la botte.


Chi sta sotto, ha la peggio.

Ci téne mange, ci na tténe mange e bbève.


Chi ha mangia, chi non possiede niente mangia e beve.

Ci téne u puèrche su mange, ci téne i uàje si chiànge.


Chi ha il maiale se lo mangia, chi ha i guai se li piange.

Ci piacere jérene bbuène se’mbrestàvene i megghjire.


Se i favori fossero buoni si potevano prestare anche le mogli.

Ci fàsce u veccòne gruèsse se nèche.


Chi s’ingozza smodatamente rimane soffocato.

Ci dorme chi criatùre, la matìne se jàcchie cu litte pesciàte.


Chi dorme con i bambini, la mattina si trova con il letto bagnato.

Ci tratte chi criatùre, remmanne cu cùle cacàte.


Chi tratta con i bambini, rimane con il sedere sporco.

Ci parle da drète parle cu cùle.


Chi parla alle spalle della gente parla con il sedere.

Ci téne sécche, ava còrre all’acque.


Chi ha sete deve correre all’acqua.

Ci tutte gli’aceddere canascèvene u gràne, nesciune jèra mète.


Se tutti gli uccelli conoscessero il grano, nessuno doveva mietere.

Ci u gadde la matìne na ccànde, la scernàte jè vacande.


Se la mattina il gallo non canta, la giornata è vuota.

Ci uè gabbà vecine, cuèlchete subbete e jàlzete a’ matetine.


Se vuoi gabbare il vicino, coricati di buon’ora e alzati a mattutino.

Ci ué mandené l’amecizzie, nu panàre vè e nu panare véne.


Se vuoi conservare l’amicizia, un paniere va e un paniere viene.

Ci vènge a pprìme, càche la farine.


Chi vince prima, ci rimette tutto.

Ci spenne assèje, spenne picche.


Chi spende molto, spende poco, nel senso che compra roba buona che dura di più.

Ci chiòve a Santa Bebbiàne, chiòve quaranta dije a na semàne.


Se piove a Santa Bibbiana, piove quaranta giorni e una settimana.

Chedda ca semenìsce, nàsce.


Quello che semini, nasce.

Cijle a pecheredde, jàcque a campanèdde.


Cielo a pecorelle, acqua a campanelle.

Cijle rùsse, terréne ‘mbusse.


Cielo rosso, terreno bagnato.

Ci pùte a màsce e zappe agiste na mmange pane e na bbève mùste.


Chi pota a maggio e zappa ad agosto non mangia pane e non beve mosto.

Ci na vvòle sende la mamme e l’uattàne, fàsce la morte com’ì cane.


Chi non ascolta i consigli della madre e del padre, muore come i cani.

Come a nnà gaddìne spatrijune.


Si sente come una gallina fuori dal pollaio.

Criste na ppòte sende gli’angele de candà, fegùrete ciava sende i ciòccere de ragghjà.


Cristo non può sentire gli angeli di cantare, figuriamoci se deve sentire gli asini di ragliare.

Criste despòste, i làmbe stetàte.


Cristo esposto, le lampade spente.

Criste i fàsce, u dirvele gl’accocchje.


Cristo li crea, il diavolo li accoppia.

Crisce i fijle e crisce i puérce.


Allevi i figli e allevi i porci.

Come me vijte, me scrìve.


Come mi vedi, mi scrivi (non ho altri vestiti, né soldi).

Cunde spisse, amecizzia longhe.


Conti frequenti, amicizia lunga.

Cu sòlde tunne, tunne, vòche ‘ngùle a tutt’ù munne.


Con il soldo tondo, tondo, glielo metto in quel posto a tutto il mondo.

Cu timbe e cla pagghje, metùrene li néspe.


Col tempo e con la paglia, maturano le nespole.

Curte e male cavàte.


Uomo basso di statura e furbo.

Cudde a ddò téne gl’uècchje téne i màne.


Quel tale dove osa gli occhi mette le mani.

Chiòve e cchiòve, li privete se ne vònne fore, appiccane la cannule e manghe discene bonasere.


Piove e piove, i preti se ne vanno in campagna, accendono la candela e nemmeno dicono buonasera.

Cùnzele e banchette ci i fàsce gli’aspette.


I pranzi di consolazione dopo il funerale e i banchetti chi li fa li aspetta.

Case ca tràse u sole na ttràse u mideche.


Nella casa dove entra il sole non entra il medico.

Doppe la negghje vene la tregghje.


Dopo la nebbia viene la pioggia.

Do’ volde l’òmene s’ammène accite: quanne mange a spèse de gli’alde e quanne fatiche a cunde su’.


Due volte l’uomo spreca tutte le sue energie: quando mangia a spese degli altri e quando lavora in proprio.

Da ce te puète aspettà nu’ trademinde, o da jùne di tu’ o da nu’ chembàre de sangeuànne.


Da chi puoi aspettarti un tradimento, o da un parente o da un compare di San Giovanni.

De vijrne e d’estàte, u fuéche sembe bbuéne sàpe.


D’inverno e d’estate, il fuoco è sempre ben accetto.

Da ràte a pelàte.


Una persona che viene sbattuta da una parte all’altra.

Disce la cràpe alla pèchere: «na ssime mangianne assèje u mese d’agùste percé petime capetaje u uàje ca dalla carne nòste fàscene l’uarruste e cla pelle carrèscene u mùste».


Dice la capra alla pecora: «non mangiamo assai il mese di agosto perché ci può capitare il guaio che dalla nostra carne fanno l’arrosto e con la pelle trasportano il mosto».

Disce u chemùmme alla fiche: «apprisse me vijne».


Dice il fiorone al fico: «appresso mi viene».

Dije tne scànze da na vàsce cadùte.


Dio ti scansi da una bassa caduta.

Dijsce jùne: «ce ué jègne u ceddàre, zàppe e ppùte u mese de scennàre» . Dijsce l’ualde: «zàppe e ppùte quànne puéte scije ca la fertùne tlava dà Dije».


Dice uno: «se vuoi riempire la gerla, zappa e pota il mese di gennaio». Dice l’altro: «zappa e pota quando puoi andare, che la fortuna te la deve dare Dio».

Dudece so’ i mise, tridece so’ i lùne, la cchiù notta grànne jé quànne sté desciùne.


Dodici sono i mesi, tredici le lune, la notte più lunga è quando stai digiuno.

Dòppe tre scelàte, l’acque av’arrevàte.


Dopo tre gelate, l’acqua è vicina.

Disce l’uàcce: «ce belle mijre sàcce». Disce lù fenùcchje: «sciàmaninne a ccucchje, a cucchje». Dusce u rafanidde: «sciamanille a ffàje nu’ pegnatidde». Disce u sevòne: «tutte vu’ sine jì nòne?». Disce la skaròle: «ng’è degghja venì la zalaredde a ccì na vvòle».


Dice il sedano: «che buon vino conosco». Dice il finocchio: «andiamo insieme a braccetto». Dice il ravanello: «andiamocene a mangiare una pignatta». Dice la lassana: «tutti voi andate e io no?». Dice la cicoria scarola: «gli possa venire una diarrea a chi non vuole».

D’addò vvijne, so’ cepòdde.


Da qualunque parte vieni, sono botte.

Doppe i quarand’anne scittete a mmàre che tutt’ì pànne.


Dopo i quarant’anni buttati a mare con tutti i panni.

Da làtre a latròne.


Ladro derubato a sua volta da ladri più in gamba di lui.

E vva bbène disse Marche a Matalène, quànne vedde la gatte, la figghje e la megghjère prène.


E va bene disse Marco a Maddalena, quando vide la gatta, la figlia e la moglie gravide.

Fa’ come dighe e na ssì facènne come fazz’ì.


Fai come dico e non fare come faccio.

Fa’ male e pijnze, fa bbène e scuèrdatinne.


Fai male e pensaci, fai bene e scordatene.

Fa’ come sì fatte, can a ssì chiamate matte.


Dai pane per focaccia, così non ti chiamano matto.

Fa’ nu’ pète de cere.


Ti prego, aiutami, ne ho tanto bisogno.

Fàsce scènne u latte ai gattudde.


(Dicesi di soggetto molto lento nei movimenti, inattivo, non intraprendente).

Fatte u nòme e va rrùbbe.


Fatti un nome e poi vai a rubare.

Fàsce u riche pelòne.


Fa lo smargiasso senza soldi.

Famme prime, e famme fèsse.


Fammi primo, e fammi fesso.

Febbràre, notte e dije a pàre a pàre.


Febbraio, la notte e il giorno sono uguali.

Fèste e maletimbe, frastire a ccàste.


Feste e maltempo, forestieri a casa tua.

Fertùne e càzze n’gule vejàte a ccì gli’ave.


Fortuna e ca**o nel sedere beato a chi li riceve.

Fùsce callàre ca mo’ me tinge.


Non me la dai a bere, tu sei uguale all’altro.

Fùsce quànde puéte, c’a ddò t’aspètte.


Fuggi quando puoi, che qui t’aspetto.

Figghja sola, sorta gnòre.


Figlia unica, destino nero.

Gli’ambasciùne gli’à cavà, la megghjère l’hà standaje.


I muscari li devi cavare, la moglie devi saperla conquistare con modi e sacrifici.

I parinde so’ ccòme ai stevàle: chiù so’ stritte e cchiù fàscene male.


I parenti cono come gli stivali: più sono stretti e più fanno male.

I paròle so’ come a llì ceràse.


Le parole sono come le ciliegie, vengono l’una dopo l’altra.

I pèchere pe’ recchezze, i vacche pe’ grandezze.


Le pecore per ricchezza, le vacche per grandezza.

I chiacchjiere so’ chiacchjere , ma so’ i cavatidde ca jènghiene la vènde.


Le chiacchiere rimangono chiacchiere, ma sono i cavatelli che saziano.

I lònghe pe’ gli’àrve di fiche, i còrte pi’ marite.


Le donne alte per raccogliere i fichi, quelle corte per i mariti.

I prim’anne accasàte: o malàte o ‘ngarciaràte.


I primi anni sposati: o ammalati o incarcerati.

I còrne di segnùre so’ de vammàsce.


Le corna dei signori sono di bambagia.

I solde can a ssò standàte slì porte u vjinde.


I soldi non sudati se li porta il vento.

I paròle dlà sère, na ssè jàcchiene la matìne.


Le parole pronunciate la sera, scompaiono la mattina.

I còse ca sàpe, addevine.


Le cose che sa, indovina.

I còse acchemegghjàte, na ssò da i mòschele cacàte.


Le cose coperte, non sono calcolate dalle mosche.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Cassano

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno