E' scontro tra "ufologi"

Avvistamento Ufo, la replica di Pugliese al Cisu

Il ricercatore cassanese respinge le accuse e replica duramente all'organizzazione ufologica pugliese.

Attualità
Cassano martedì 19 febbraio 2013
di La Redazione
Giovanni Pugliese
Giovanni Pugliese © G.P.

«Il CISU sbaglia».

Perentoria e ferma la replica di Giovanni Pugliese all'organizzazione ufologica pugliese.

L'autore dello scatto fotografico, che ha immortalato un "presunto" ufo sui cieli di Cassano, non ci sta e respinge l'accusa di falso fatta da questa organizzazione, che ieri, con una nota inviata alla nostra redazione, metteva bollava l'immagine di Pugliese come un trucco.

«Per me - dichiara Pugliese - è un oggetto non identificato a forma sferica, se si tratti di un’altra cosa che volava certamente è da verificare. Accusarmi di avere fatto un falso è una cosa molto grave, visto che hanno fatto un’analisi senza originali, senza indagini sul campo e senza aver contattato il testimone. Hanno fatto solo un’analisi ottica su una foto messa su internet.  Per un'analista è una cosa gravissima e dimostra una mancanza di serietà».

«Il giudizio di Bertotti e Cassano del Cisu Puglia è del tutto fuori luogo, perché, ripeto, le analisi si fanno sugli originali, anche un bambino lo comprende. Ora capisco - continua Pugliese - perché tutte le loro indagini sugli altri casi ufologici in passato si siano rivelate tutte  sbagliate, con il risultato di accusare sempre delle persone che hanno agito in buona fede. Nel frattempo ho passato le foto al CUFOM - Centro Ufologico Mediterraneo - che invece svolge le indagini sempre in maniera corretta».

«Ho sempre agito in buona fede e svolgo le mie ricerche onestamente, senza guadagno e non accetto che mi diano del falsario. Tutelerò in tutti i modi previsti dalla legge la mia onorabilità. Mi piacerebbe chiedere a questi signori i casi di oggetti fotografati o filmati che erano sicuramente degli ufo, al di là di ogni dubbio.  Questi pensano che siano validi solo i racconti di dischi volanti degli anni '50, dove non ci sono assolutamente prove».

«Ma sono degli ufologi questi? - domanda il ricercatore cassanese -. Già in un caso verificatosi a Grottaglie - in cui il CUFOM dichiarò che l'oggetto poteva essere qualsiasi cosa – hanno messo in bocca al Centro con cui collaboro  delle cose non vere, valutando la vicenda sempre su materiale non originale. Non è che per caso vi dà fastidio che ci siano i nuovi centri ufologici che scoprono sempre nuovi casi
 

Lascia il tuo commento
commenti