La novità

Ecco "Murgia Queer", una nuova realtà territoriale per le persone lgbt+

«Il nostro scopo - dicono i promotori dell'iniziativa - è creare unità, dialogo, sensibilità, ricreatività e approfondimento sociale e culturale sui temi del vasto mondo dei diritti civili e umani, che deve vederci tuttə alleatə»

Attualità
Cassano lunedì 05 luglio 2021
di La Redazione
Bandiera arcobaleno
Bandiera arcobaleno © n.c.

È nata da poco una nuova realtà territoriale che riunisce e supporta le persone lgbt+ e alleate del territorio murgiano per organizzare eventi attraverso i quali diffondere la cultura queer ("Queer" è un termine utilizzato per indicare coloro che non sono eterosessuali o cisgender. Quest'ultima parola si riferisce alle persone la cui identità di genere corrisponde al genere e al sesso biologico).

«Il nostro scopo - dicono i promotori dell'iniziativa - è creare unità, dialogo, sensibilità, ricreatività e approfondimento sociale e culturale sui temi del vasto mondo dei diritti civili e umani, che deve vederci tuttə alleatə».

«Siamo un movimento di e per esseri umani di ogni sesso, genere ed orientamento» si legge nel manifesto costituitivo del movimento. Siamo un movimento aperto e plurale che nasce dalle viscere della nostra Murgia. Una terra colorata, aperta, senza confini, da proteggere e valorizzare. Una terra che è la nostra natura, lo spazio in cui i nostri corpi si muovono, socializzano, realizzano la loro libertà. La nostra volontà è di essere, conformemente al nostro spirito murgiano, spazio sicuro di condivisione, di aggregazione, di ascolto, di reciproca assistenza, di libera espressione e di militanza nonviolenta e in favore dei diritti umani di tuttə. Vogliamo affermare le nostre esistenze con momenti ricreativi, formativi e culturali. Ci troveremo insieme, parleremo, ci ascolteremo, organizzeremo cicli di incontri, dibattiti, momenti conviviali, concerti, rassegne cinematografiche. La passione per i diritti e per la libertà si intreccerà alla condivisione. Sentiamo che è giunto il tempo di unire le nostre forze e le nostre istanze, senza divisioni nè discriminazioni. L'unità è l'unico antidoto alle tante solitudini imposte dal pregiudizio. Nessunə deve sentirsi più solə. Noi ci siamo.

Per essere aggiornatə sugli eventi che stiamo organizzando e per informazioni: www.facebook.com/murgiaqueer, www.instagram.com/murgia_queer, murgiaqueer@gmail.com».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 08 luglio 2021 alle 10:40 :

    "Identità di genere" è una definizione ideologica non scientifica, non può entrare in un articolo di legge. Si presta a molte, troppe, interpretazioni diverse. Del resto il sesso non può essere determinato semplicemente dalla "percezione" che se ne ha, specie se poi chi obietta qualcosa va in galera. Rispondi a Maria P.

    Em ha scritto il 13 luglio 2021 alle 10:54 :

    Deduco lei dica questo a seguito di una specializzazione come minimo psichiatrica o quanto meno giuridica,vé? No,perché sicuramente allora avrà letto,già nella sua prima uscita nel 2015,il saggio Il “genere”: redatto dal SIPSI, in cui si spiega che sesso, identità di genere e orientamento sessuale sono i tre criteri usati dalla maggior parte degli psichiatri, degli psicologi e dei sessuologi,ma anche dei sistemi giuridici di TUTTO IL MONDO,per definire e classificare le identità sessuali. Nel caso ne avesse smarrito il testo, eccolo qui: http://www.sipsis.it/wp-content/uploads/2015/10/IL_GENERE_UNA_GUIDA_ORIENTATIVA_def3.pdf Le opinioni sono sacrosante (soprattutto se espresse con un minimo di argomentazione che va oltre le fake news).Resta che l'omotransfobia non è un'opinione. Rispondi a Em

  • Maria P. ha scritto il 07 luglio 2021 alle 18:01 :

    Saremo az-Zan-nati se oseremo obiettare qualcosa. Rispondi a Maria P.

  • Franco ha scritto il 07 luglio 2021 alle 11:03 :

    Dopo l'arcobaleno si sono impossessati senza titoli anche del termine Murgia. Rispondi a Franco

  • Em ha scritto il 05 luglio 2021 alle 21:58 :

    Lavorare per il riconoscimento di diritti di tutti non ruba niente a nessuno. Buon lavoro a Queer Murgia! (..che di lavoro da fare ce n'è tanto) Rispondi a Em

    Franco ha scritto il 06 luglio 2021 alle 06:30 :

    I diritti di tutti sono innanzitutto la libertà di pensarla diversamente e di poter esprimere le proprie opinioni senza il timore di venire arrestati per questo. Rispondi a Franco

    Em ha scritto il 06 luglio 2021 alle 09:55 :

    Le consiglio una lettura dettagliata del ddl Zan, la prenda come una lettura estiva sotto l'ombrellone, si renderebbe conto di quanto sia fuoristrada pensando di poter essere tacciato per il suo pensiero (che, per quanto chiuso ottuso, le assicuro che sarebbe comunque tutelato). L'istigazione all'odio e la violenza di natura omotransfobica invece è condannata.. come sono già condannati l'odio di natura e razzista e religiosa... se è la libertà di istigare all'odio e verso i suoi pari è quella che vuole esprimere e proteggere... Beh... Come dicevo.. questa associazione avrà molto lavoro da fare! Rispondi a Em

    Franco ha scritto il 07 luglio 2021 alle 07:18 :

    Purtroppo l'ho letto e credo che se lo leggessero gli italiani comincerebbero a tremare per la censura che la legge se approvata imporrebbe al libero pensiero non omologato. E quello che dice il Dl Zan è meglio di quello che sottitende.

  • Franco ha scritto il 05 luglio 2021 alle 11:01 :

    Ci hanno rubato l'arcobaleno e tra un po' anche la libertà di espressione Rispondi a Franco

    Monica ha scritto il 05 luglio 2021 alle 21:42 :

    La libertà di esprimere che ad alcune persone si deve negare di amare liberamente, di costruire una famiglia e avere una vita libera e sicura con la garanzia di pari diritti?! Ma per favore.. L'arcobaleno è li e ci vedi quello che vuoi. Se un uomo si sposa con un altro uomo, un uomo etero non smette di essere sposato con una donna etero. Una famiglia omogenitoriale non toglie nulla a nessun'altra famiglia. Se invece si negano i diritti di amare liberamente e costruire una famiglia solo per orientamento sessuale, un etero, magari anche omofobo, neanche se ne accorge. E allora chi è che toglie qualcosa a qualcuno? L'arcobaleno è fatto di tanti colori, come la vita e le sue ricche diversità. Rispondi a Monica

    Franco ha scritto il 06 luglio 2021 alle 06:29 :

    Cosa volete togliere a noi? La libertà di pensarla diversamente da voi. Volete imporre il vostro pensiero unico attraverso un vittimismo tattico. Rispondi a Franco