Ambiente

Rifiuti abbandonati in zone periferiche ed extraurbane: definita linea di intervento Regione-Anci

Incontro operativo tra l'assessora regionale all'Ambiente, Anna Grazia Maraschio, Anci Puglia e Ager Puglia

Attualità
Cassano martedì 19 ottobre 2021
di La Redazione
Rifiuti
Rifiuti © cassanolive

Si è svolto un incontro operativo tra Regione e Anci Puglia sul tema dell’abbandono rifiuti nelle zone periferiche ed extra urbane.

L’incontro è stato richiesto da Anci Puglia, anche a seguito dell'istanza dei sindaci dell’Area Metropolitana di Bari.

L’assessora regionale all’ambiente, Anna Grazia Maraschio, ha raccolto la richiesta dei sindaci, chiamando al tavolo anche Ager Puglia e la struttura tecnica regionale competente.

L'’Anci ha ringraziato l'assessora per aver condiviso l’esigenza dell’incontro «anche in considerazione - si legge in un anota dell'Anci - dell’impegno quotidiano dei primi cittadini sul fronte del contrasto a questo fenomeno, divenuto ormai vera e propria emergenza ambientale, che rischia di vanificare tutti gli sforzi di promozione e valorizzazione dei nostri territori, concordando sulla necessità di un fattivo e immediato intervento urgente».

E’ stata definita una linea di azione chiara e operativa, focalizzata sui questi obiettivi: contrasto al fenomeno degli abbandoni attraverso una sinergia tra Comuni, Regione, province, Ager e Forze dell’Ordine, anche attraverso apposito protocollo già allo studio dell’assessorato; potenziamento delle dotazioni tecnologiche di controllo del territorio: fototrappole, droni e utilizzo delle Polizie metropolitane e provinciali; revisione del meccanismo per cui tutti i rifiuti abbandonati sui cigli stradali che i Comuni virtuosamente raccolgono, purtroppo, vengono conteggiati come indifferenziato, con ricadute negative su percentuali di RD e su ecotassa. attivazione di  focus su pneumatici, inerti e amianto, sempre in chiave di supporto ai Comuni e miglioramento delle reti di recupero con i Consorzi.

Le parti - conclude la nota dell'Anci Puglia - «hanno condiviso la linea di intervento tracciata nel corso dell’incontro e hanno concordato a breve, la sottoscrizione di un apposito Protocollo di Intesa che coinvolga i soggetti istituzionali competenti».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 19 ottobre 2021 alle 15:12 :

    Finorq gli interventi dei Comuni si sono limitati alle multe facili, ovviamente ai proprietari dei suoli non a quelli che li imbrattano. Rispondi a Franco

  • Michele IEZZA ha scritto il 19 ottobre 2021 alle 13:23 :

    Prevedere almeno 5 anni di carcere effettivo e il problema si risolve immediatamente. Naturalmente abolire le previste sanzioni amministrative, decisamente ridicole. Rispondi a Michele IEZZA

    Franco ha scritto il 21 ottobre 2021 alle 09:11 :

    Sei un gran giurista non c'è che dire... Rispondi a Franco