Oggi dalle 17 a Villa dei Pini

Villa dei Pini, "Progetto Beside": nuovi scenari per pazienti affetti da demenza

​Il quadro di riferimento settoriale e territoriale nel quale si colloca il progetto BESIDE è quello della salute, benessere e dinamiche socioculturali con particolare focus su invecchiamento attivo

Attualità
Cassano giovedì 28 novembre 2019
di La Redazione
Villa dei Pini Cassano
Villa dei Pini Cassano © n.c.

In questo ambito è noto che il progressivo invecchiamento della popolazione ha comportato un aumento dei disturbi cognitivo-comportamentali di natura neurodegenerativa, destinati ad acquisire in futuro sempre più rilevanza e tragica diffusione.

Tra le sindromi neuropsichiatriche più comuni vi sono le demenze: con una prevalenza del 5-8% negli over 65, colpiscono 1,2 milioni di italiani (60.000 in Puglia) e, in circa il 15-25% dei casi, possono associarsi a depressione.La persona colpita da demenza diventa sempre più dipendente perdendo mano a mano le autonomie.

Le funzioni cognitive sono spesso quelle inizialmente più colpite, da qui il cambiamento nelle capacità e nelle performance, che porta alla richiesta di assistenza più o meno totale con un aumento sensibile della spesa.Tra i problemi principali legati alle demenze ci sono le “fughe”/wandering ossia il vagabondare. Non sono rari i casi di fuga dal proprio ambiente domestico e/o sanitario, anche nelle ore notturne che spesso hanno epilogo tragico.

Altro grande problema, trasversale ad un gran numero di alte patologie sono le cadute.La frequenza delle cadute è dipendente dall’ambiente di vita; infatti la letteratura riporta che per gli anziani che vivono al domicilio il rischio è del 5%, per gli anziani ospedalizzati invece è del 20%, mentre per gli anziani che vivono in residenza il rischio sale al 55-60%. in quest’ultimo caso il 35% dei caduti riporta delle lesioni che nel 5% dei casi sono fratture, nel 10% sono danni gravi dei tessuti molli (ad esempio ferite che necessitano di punti di sutura) e nel 20% lesioni ai tessuti molli di lieve entità come escoriazioni o lacerazioni cutanee. è importante sottolineare che il 25% degli anziani con frattura di femore muore entro 6 mesi dalla caduta.

Alla luce di tali dati quindi, le conseguenze più gravi delle cadute sulla persona sono le fratture che nelle persone anziane, statisticamente hanno come conseguenza il decesso. Le fratture (molto spesso quelle del femore) comportano l’ospedalizzazione e l’intervento chirurgico, e in alcuni casi la successiva immobilizzazione o la notevole riduzione delle abilità motorie o quella che viene comunemente definita la “post-fall syndrome” (paura di cadere nuovamente), che determinano così un notevole incremento della disabilità e del carico assistenziale per il famigliare o per il personale della struttura residenziale che ospita l’anziano.

Il progetto BESIDE nasce dall’unione di diversi partner con specifica competenza già maturata nel settore della salute, benessere e dinamiche socioculturali capofila è VILLA DEI PINI rssa e ha come obiettivo principale quello di sviluppare un sistema che per mezzo di elaborazioni video, dati provenienti da sensori di natura diversa, possa offrire un sistema di “Monitoraggio e diagnosi continua” NON INVASIVA”, ad Operatori sanitari, care giver, Società che gestiscono Strutture residenziali e semiresidenziali e Imprese che supportano l’assistenza domiciliare sul territorio nazionale, per risponde alle esigenze di:

- aumentare la diffusione di validi strumenti di assessment, monitoraggio del comportamento in persone affette da demenza

-prevenire eventi critici come le cadute con costi elevati per ricoveri e riabilitazione

- controllare il fenomeno del “Wandering” e/o “fuga” dalle strutture e allontanamento dal domicilio

- offrire supporto sociale alla famiglia

Lascia il tuo commento
commenti