Il comunicato della Cei

Coronavirus, messe e funerali sospese in tutta Italia fino al 3 aprile

La presa d'atto del decreto governativo che limita in tutta Italia le cerimonie religiose, comprese le esequie, fino al 3 aprile. "Sofferenza, ma la Chiesa fa la sua parte per la tutela della salute"​

Attualità
Cassano domenica 08 marzo 2020
di La Redazione
Papa Francesco a Bari, la messa in Corso Vittorio Emanuele
Papa Francesco a Bari, la messa in Corso Vittorio Emanuele © n.c.

Nel pomeriggio la Cei ha diffuso un comunicato con il quale viene annunciata la sospensione di messe e celebrazioni funebri su tutto il territorio nazionale fino al 3 aprile. "La Chiesa che vive in Italia e, attraverso le Diocesi e le parrocchie si rende prossima a ogni uomo, condivide la comune preoccupazione, di fronte all’emergenza sanitaria che sta interessando il Paese.Rispetto a tale situazione, la CEI – all’interno di un rapporto di confronto e di collaborazione – in queste settimane ha fatto proprie, rilanciandole, le misure attraverso le quali il Governo è impegnato a contrastare la diffusione del “coronavirus”. Il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, entrato in vigore quest’oggi, sospende a livello preventivo, fino a venerdì 3 aprile, sull’intero territorio nazionale “le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri”. L’interpretazione fornita dal Governo include rigorosamente le Sante Messe e le esequie tra le “cerimonie religiose”. Si tratta di un passaggio fortemente restrittivo, la cui accoglienza incontra sofferenze e difficoltà nei Pastori, nei sacerdoti e nei fedeli" scrivono nel comunicato.

"L’accoglienza del Decreto è mediata unicamente dalla volontà di fare, anche in questo frangente, la propria parte per contribuire alla tutela della salute pubblica".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 10 marzo 2020 alle 20:32 :

    La Quaresima era cominciata con il "non di solo pane vive l'uomo" e invece pare che l'unica necessità contemplata dal nuovo decreto del Governo è quella del cibo. Solo fuori dai negozi ci si può assembrare liberamente. Rispondi a Maria P.

  • Franco ha scritto il 08 marzo 2020 alle 23:25 :

    La decisione dei Vescovi appare inspiegabile perché eccessiva. Non si capisce perché sospendono anche le messe feriali dato che non soffrono certo di assembramenti, mentre al contrario restano aperti gli ipermercati. Rispondi a Franco