Al via un nuovo anno scolastico

Ricomincia la scuola, Di Medio: «Periodo buio, ma ce l'abbiamo fatta»

Il messaggio della sindaca in occasione dell'inizio del nuovo anno scolastico

Attualità
Cassano domenica 04 ottobre 2020
di La Redazione
Maria Pia Di Medio
Maria Pia Di Medio © Gianni Spina

Domani inizia un nuovo anno scolastico per i bambini e ragazzi di Cassano. Quello che segue è il messaggio della sindaca Maria Pia Di Medio indirizzato alla comunità scolastica e ai genitori.

Ricomincia la scuola!!! Abbiamo tutti attraversato un periodo buio con problemi, incertezze, disposizioni a volte contrastanti... ma sono convinta che l’importante è avercela fatta.

L’obiettivo principale sono i nostri ragazzi, coloro che hanno diritto alla educazione culturale e civica per poter diventare cittadini del mondo.

Voglio ringraziare tutti per la dedizione, l’impegno e la abnegazione nel condurre a termine tutte le prescrizioni ministeriali per la ripresa scolastica, dalla Dirigenza del Comprensivo agli operatori dello stesso, dall’Ingegnere Comunale agli operatori, compresi quelli del Servizio Civico e anche, permettetemi, gli assessori che hanno partecipato “in prima persona” alle operazioni di adeguamento e con tutti gli adempimenti burocratici.

Però un grazie speciale va ai genitori che hanno partecipato attivamente a tutto l’iter, ma anche con tolleranza per gli inevitabili disguidi ed incertezze operative. Quindi si riprendono le attività scolastiche in un clima di attenzione sanitaria per la nuova ondata di contagi che ha determinato proprio questo ultimo slittamento per la riapertura.

Invito le famiglie alla massima collaborazione, per sè stessi e gli altri, con la misurazione della temperatura quotidiana, con l’osservazione del distanziamento, soprattutto tra bambini e adulti, e con il non mandare i figli a scuola se hanno la febbre (non è che prendendo la Tachipirina la febbre scompare e quindi possono andare a scuola... sono malati ugualmente!!!!).

C’è ancora poca chiarezza per le certificazioni mediche sul rientro dopo malattia, quando è necessario il tampone (anche per i più piccoli) e quando no.

A giorni saranno dati ulteriori chiarimenti ai medici, in particolare ai pediatri, sia dalle organizzazioni di settore sia dal Ministero.

Per quanto mi compete sarà mia premura pubblicare, appena ricevute, tutte le indicazioni in maniera schematica.

Impegnamoci tutti a tenere le scuole aperte, usiamo le mascherine (lo dico agli adulti!!!!!), osserviamo il distanziamento e l’igiene delle mani.

Facciamolo noi per primi, non pretendiamolo dai piccoli!

I più grandi sono in grado di collaborare ma i più piccoli devono solo essere protetti. Sono garantite le sanificazioni periodiche dei locali scolastici.

Auguro a tutti un buon lavoro, nonostante la recrudescenza del COVID , con il quale però dobbiamo imparare a convivere osservando le regole.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Fabio De Toma ha scritto il 05 ottobre 2020 alle 07:00 :

    magari dopo aver pubblicato questo fantasmagorico comunicato avreste anche potuto chiederle la ratio della chiusura al traffico, sosta e fermata a singhiozzo di via Peucetia/Sturzo residenti inclusi; dopo che per 20 anni, in concomitanza degli orari di entrata ed uscita da scuola, ci siamo ritrovati i più svariati mezzi abbandonati ad minchiam financo dentro casa nella totale indifferenza degli organi preposti, quasi che questo paese godesse di extraterritorialità rispetto al codice della Strada, adesso dovremmo passare le giornate a fare togli e metti (perchè noi nullafacenti tempo da perdere ne abbiamo a profusione), d'altronde è noto a tutti che qualche auto regolarmente in sosta diffonde il virus come null'altro, sarà un ceppo mutato, precipuo della ridente Cassano delle Murge Rispondi a Fabio De Toma