Il fatto

Comunità cristiana in lutto: si è spento don Carlo Colasuonno

Il sacerdote, nato a Grumo e ordinato nel 1953, è stato parroco della chiesa madre a Cassano per diversi anni

Cronaca
Cassano domenica 03 gennaio 2021
di La Redazione
Don Carlo Colasuonno
Don Carlo Colasuonno © Giuseppe Nardulli

Ci ha lasciato nelle prime ore di questo pomeriggio don Carlo Colasuonno.

Parroco in chiesa madre per diversi anni, era nato a Grumo nel 1930.

Aveva studiato nel Seminario Arcivescovile di Molfetta ed era stato ordinato sacerdote nel 1953.

Divenuto sacerdote, gli era stato affidato il compito di educatore prima e in seguito di vice rettore del Seminario di Bari e poi Canonico del Capitolo della Cattedrale di Bari

Don Carlo nei primi anni di sacerdozio aveva conseguito la laurea in Lingue Straniere ed insegnato per molti anni presso il Liceo "Orazio Flacco".

Infine giunse a Cassano, dove sostituì nella guida pastorale della parrocchia Santa Maria Assunta don Battista Armienti, e dove vi rimase fino alla pensione.

In seguito tornò alla Cattedrale nel suo ruolo di canonico e confessore. Negli ultimi anni è stato padre spirituale dell'Arciconfraternita dei SS. Medici in piazza Castello nel capoluogo.

Di lui i fedeli di Cassano ricordano l'attenzione pastorale verso gli ultimi, la grande bontà e un fine senso dello humor, che lo ha fatto diventare un prete tra i più amati della nostra comunità. Tante, a conferma di questo, le attestazioni di stima che in queste ore corrono sui social.

Il rito delle esequie si terrà domani 4 gennaio, mentre lunedì 11 gennaio alle ore 18.30 verrà celebrata la Santa Messa in Suffragio presso la chiesa Santa Maria Assunta, mentre martedì 12 gennaio, alle 18.30, nella cattedrale di Bari l'arcivescono mons. Francesco Cacucci presiederà in sua memoria una concelebrazione eucaristica con il clero diocesano.

 

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Digilio ha scritto il 04 gennaio 2021 alle 10:09 :

    Grande Persona, e Prete sono in lutto con tutti voi ! Rispondi a Digilio