Il fatto

Sgominata una banda di ladri in trasferta: indagini partite e condotte dai Carabinieri di Cassano

Ordinanza di custodia cautelare nei confronti di tre pregiudicati eseguita dai Carabinieri di Cassano. All'origine della complessa attività di investigazione due furti: uno a Piazzale Tampoia e uno in via Fratellli Rosselli

Cronaca
Cassano mercoledì 28 aprile 2021
di La Redazione
Caserma dei Carabinieri di Cassano
Caserma dei Carabinieri di Cassano © n.c.

Sono partite dalla Stazione dei Carabinieri di Cassano le indagini che hanno portato nelle settimane scorse all'arresto di tre pregiudicati, due di Bari ed uno di Modugno, ritenuti responsabili di furto aggravato e indebito utilizzo di carte di credito.

I fatti sono riconducibili allo scorso gennaio, quando a Cassano si sono verificati due furti su auto: uno in piazzale Tampoia e uno in via Fratelli Rosselli.

In entrambi i casi, alle proprietarie dei due mezzi, furono sottratte dalle borse presenti all'interno dei veicoli, piccole somme di denaro, i bancomat ed i documenti personali, sui quali erano annotati i relativi PIN di sblocco.

Le indagini condotte dai Carabinieri di Cassano attraverso l’esame dei sistemi di videosorveglianza hanno consentito, dapprima, di raccogliere elementi utili sulla fisionomia degli autori, successivamente, di accertare che gli stessi avevano utilizzato fraudolentemente le carte di credito per prelievi ed acquisti.

In entrambi i casi, infatti, nella stessa giornata in cui erano stati commessi i furti, i tre pregiudicati avevano effettuato con una carta di credito due acquisti on line, nonché l’acquisto di un PC pagandolo 800 euro presso un negozio di Polignano a Mare, mentre, con l’altra carta di credito, avevano effettuato due prelievi di 250 euro presso un bancomat di Sannicandro di Bari.

Anche in questi casi, gli impianti di videosorveglianza dell’esercizio pubblico e dell’istituto di credito avevano confermato ai Carabinieri di Cassano che gli autori, che avevano effettuato gli acquisti, erano gli stessi che avevano consumato i furti nel nostro comune.

Raccolti tutti gli elementi indiziari nei loro confronti, dopo una indagine complessa e portata avanti minuziosamente e con celerità, l’autorità giudiziaria ha emesso nei loro confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari con la contestazione dei reati di furto aggravato in concorso ed utilizzo indebito di carte di credito, eseguita nelle settimane scorse proprio dagli uomini del maresciallo Ugo Coppola.

Lascia il tuo commento
commenti