Il fatto

Razzo cinese, Puglia tra le regioni in allerta: l'avviso alla popolazione della Polizia Locale

C'è anche la nostra regione tra quelle che potrebbero essere potenzialmente interessate dalla caduta di frammenti del razzo spaziale cinese 'Lunga marcia 5B'

Cronaca
Cassano sabato 08 maggio 2021
di La Redazione
Le possibili traiettorie del razzo cinese
Le possibili traiettorie del razzo cinese © n.c.

C'è anche la Puglia tra le dieci regioni italiane del centro-sud che potrebbero essere potenzialmente interessate dalla caduta di frammenti del razzo spaziale cinese 'Lunga marcia 5B'.

Sul punto la Polizia Locale di Cassano ha emanato un avviso alla popolazione, riprendendo le indicazione della Protezione Civile.

«La Protezione Civile Nazionale - si legge nell'avviso - ha comunicato che il secondo stadio del Vettore di una stazione spaziale cinese decadrà in atmosfera nelle prossime ore. Il Vettore ha una massa di circa 18 ton. l’Agenzia Spaziale Italiana ha previsto che la caduta dei frammenti è al momento prevista nella notte tra sabato 8 maggio e domenica 9 maggio p.v in una fascia che ricomprende anche il territorio della regione Puglia. Tali eventi sono assai rari e non sono codificati comportamenti di autotutela. La Protezione Civile ritiene utile fornire alcune indicazioni utili alla popolazione affinché siano adottati comportamenti di autoprotezione. È poco probabile che i frammenti causino il crollo di edifici. Gli edifici pertanto sono da considerarsi più sicuri rispetto ai luoghi aperti. Si consiglia di stare lontani dalle finestre e porte vetrate. I frammenti impattando sui tetti degli edifici potrebbero causare danni, perforando i tetti stessi e i solai sottostanti. Non disponendo di informazioni precise sulla vulnerabilità delle singole strutture, si può affermare che sono più sicuri i piani bassi degli edifici. All’interno degli edifici i posti strutturalmente più sicuri, nell’eventuale impatto, per gli edifici in muratura sono le volte dei piani inferiori, i vani delle porte inserite nei muri portanti, per gli edifici in cemento armato, i luoghi nelle vicinanze delle colonne e comunque in prossimità delle pareti. I frammenti più piccoli non sono visibili da terra prima dell’impatto. Alcuni frammenti di grandi dimensioni potrebbero sopravvivere all’impatto. Poiché tali frammenti potrebbero contenere sostanze altamente tossiche (idrazina), chiunque avvisti tali frammenti dovrà tenersi a distanza di almeno 20 metri e segnalare il fatto alle autorità competenti».

 
Lascia il tuo commento
commenti