Il fatto

Fece uccidere l'amante: in 4 a processo

Vincenza Mariani, imprenditrice di Cassano, è accusata di aver promesso all'ex dipendente Massimo Margheriti 5mila euro, per 'punire' l'ex amante della fine della relazione

Cronaca
Cassano mercoledì 05 giugno 2019
di La Redazione
Tribunale di Bari
Tribunale di Bari © Tranilive.it

Saranno processati in Corte d'Assise di Bari dal 3 ottobre i presunti assassini del 51enne Michele Amedeo, netturbino dell'Amiu, ucciso nel parcheggio dell'azienda il 25 aprile 2017.

Il pm della Dda di Bari che ha coordinato le indagini della Mobile, Marco D'Agostino, ha ottenuto il giudizio immediato per 4 persone.

Sono l'ex amante, imprenditrice di Cassano delle Murge, Vincenza Mariani, ritenuta la mandante; suo genero Giuseppe Baccellieri, accusato come esecutore materiale; il pregiudicato vicino al clan Strisciuglio, ex dipendente del salottificio della Mariani, Massimo Margheriti, alla guida dell'auto con il killer; il pregiudicato Michele Costantino, reo confesso di aver fornito un'auto rubata e l'arma. Margheriti e Costantino ora sono collaboratori di giustizia.

Tutti sono stati arrestati nel febbraio scorso e sono detenuti.

La donna è accusata di aver promesso a Margheriti 5mila euro, per 'punire' l'ex amante della fine della relazione proprio due giorni prima della laurea della figlia dell'uomo.

Lascia il tuo commento
commenti