Emergenza sanitaria

Ordine Medici, Anelli: «Lopalco chieda subito al governo di rendere la Puglia regione "rossa"»

E' l’appello lanciato da Filippo Anelli, Presidente dell’Ordine dei medici di Bari a fronte dei dati epidemiologici della Puglia, che continuano a salire nonostante le misure restrittive

Cronaca
Cassano lunedì 16 novembre 2020
di La Redazione
Coronavirus, ASL Bari  apre  i primi posti letto riconvertiti del San Paolo
Coronavirus, ASL Bari apre i primi posti letto riconvertiti del San Paolo © n.c

«Il virus continua a diffondersi a una velocità preoccupante in Puglia. L’assessore Lopalco chieda subito al governo di rendere la Puglia regione rossa».

E' l’appello lanciato da Filippo Anelli, presidente dell’Ordine dei Medici di Bari a fronte dei dati epidemiologici della Puglia, che continuano a salire nonostante le misure restrittive.

Lo confermano i numeri arrivati ieri che rilevano come nell'ultima settimana (9-15 novembre) ci siano stati 8.737 nuovi casi, con un incremento giornaliero medio di 1.248, contro i 7.075 nuovi casi e una media giornaliera di 1011 della settimana precedente. Il totale dei ricoverati passa da 5.284 della settimana precedente agli attuali 8.120 (+ 2.836), mentre i pazienti in terapia intensiva passano da 754 a 1.053 (+299). Crescono anche i pazienti in isolamento domiciliare: sono saliti da 93.346 a 140.093 (+46.747).

«Le restrizioni adottate non riescono ad arginare la diffusione del virus. Con questi ritmi di crescita rischiamo il collasso del sistema. Urge adottare subito misure più restrittive» aggiunge Anelli.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 16 novembre 2020 alle 14:16 :

    Il dott. Anelli è ormai un allarmista a tempo pieno. Invece di stare in tv tutto il giorno a invocare Il lockdown (per quello c'è già il Comitato tecnico scientifico) farebbe bene a preoccuparsi con miglior causa della medicina di territorio, che permetterebbe di svuotare i Pronto soccorso e impedirebbe di gridare al lupo. Come fa lui. Rispondi a Franco

    SG ha scritto il 16 novembre 2020 alle 18:39 :

    Condivido in pieno quello da lei descritto.... parlano,parlano,parlano, ma i fatti non si vedono, anzi sempre peggio.....vergognoso Rispondi a SG