Il fatto

Insegnante positiva al Covid-19: chiude il plesso di via Gramsci

Attesa una ordinanza di chiusura. Intanto la dirigente Lazazzera ha disposto che il personale docente e alunni proseguano le attività a distanza e i collaboratori scolastici tutti rimangano a casa, fino a nuove disposizioni

Cronaca
Cassano martedì 01 dicembre 2020
di La Redazione
Coronavirus a scuola
Coronavirus a scuola © n.c.

Resterà chiuso domani il plesso "Unità d'Italia" di via Gramsci, dell'Istituto Comprensivo "Perotti-Ruffo".

Una insegnante della scuola primaria, infatti, è risultata positiva al tampone per Covid-19.

«Avendo appena appreso telefonicamente - si legge in una nota della dirigente Ippolita lazazzera - della positività di una docente del Plesso, non avendo ancora ricevuto la comunicazione ASL, nelle more di essere contattata dal Dipartimento di Prevenzione Covid e della ricostruzione dei tracciamenti considerata la peculiarità dell’Istituzione Scolastica e la presenza di minori, nelle more della preannunciata, per le vie brevi, Ordinanza del Sindaco del Comune di Cassano delle Murge, immediatamente informato, si anticipa che domattina il solo Plesso di Via Gramsci rimane chiuso».

«Si dispone - continua la nota della dirigente - che il personale docente e alunni proseguano le attività a distanza e i collaboratori scolastici tutti rimangano a casa, fino a nuove indicazioni. Si procederà tempestivamente alla sanificazione del plesso. Seguiranno tempestive comunicazioni individuali ad eventuali contatti stretti in seguito a interlocuzioni con il Dipartimento di Prevenzione ASL territorialmente competente».

E' attesa una ordinanza, dunque, da parte della sindaca che, verosimilmente, dovrebbe disporre la chiusura agli alunni del plesso scolastico fino al 4 dicembre, per riaprire, dopo la sospensione delle attività didattiche in presenza e a distanza prevista per il ponte dell'Immacolata, il 9 dicembre.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 02 dicembre 2020 alle 07:39 :

    Eppure Emiliano ha.sempre sostenuto che sono gli alunni a contagiare le maestre. E su questa falsità ha costruito il suo testardo sostegno istituzionale alla didattica a distanza. Rispondi a Maria P.