Il libro

Cercasi un fine presenta il nuovo libro di D'Ambrosio sul potere: a Cassano Abbaticchio e Giannella

L'associazione cassanese domani, giovedì 12 agosto, a partire dalle ore 19, in piazza Adua, presenta l'ultima opera del sacerdote e formatore cassanese: “Il Potere, uno spazio inquieto”, edito da Castelvecchi

Cultura
Cassano mercoledì 11 agosto 2021
di La Redazione
Don Rocco D'Ambrosio
Don Rocco D'Ambrosio © Gianni Spina

L'associazione "Cercasi un fine" domani, giovedì 12 agosto, a partire dalle ore 19, in piazza Adua, presenta il nuovo libro di don Rocco D’Ambrosio, dal titolo “Il Potere, uno spazio inquieto”, edito da Castelvecchi.

L'autore dialogherà sul tema dell'opera con Michele Abbaticchio, sindaco di Bitonto e vice presidente nazionale di "Avviso Pubblico - enti locali contro mafia e corruzione", e con Francesco Giannella, procuratore della Repubblica aggiunto del Tribunale di Bari e coordinatore della Direzione Distrettuale Antimafia.

Il libro offre una nuova ed originale riflessione sul tema del potere, da sempre centrale nella produzione scientifica del sacerdote e docente cassanese (l’autore è ordinario di Filosofia politica presso la facoltà di Filosofia della Pontificia Università Gregoriana di Roma) e nei tanti percorsi formativi proposti dall'autore in tutta Italia, a cominciare da quelli delle Scuole di Formazione alla Politica realizzati dalla associazione “Cercasi un fine”, di cui D’Ambrosio è presidente e responsabile, perché «il tentativo di rispondere alle domande fondamentali sul potere non appartiene solo alla ricerca scientifica, ma anche alla vita quotidiana, all’esperienza che ognuno di noi fa nelle varie istituzioni in cui è inserito, da quelle più semplici come la famiglia, o una piccola associazione, a quelle più complesse, come aziende, scuole, università, comunità di credenti, sindacati, partiti politici, strutture burocratiche, organismi nazionali e internazionali».

Capirlo ed esercitare il potere – spiega don Rocco D’Ambrosio nell’introduzione - «è impresa ardua»: il potere ha in sé «un fondo d’inquietudine, che turba sia chi lo vive per realizzare giustizia e pace», sia chi «ha usato tanti trucchi, astuzie e delitti per ottenerlo e, ne continua ad usare, per conservarlo». Le crisi, poi, anche in termini di potere «svelano il meglio di una comunità nazionale, o il peggio».

«Tutto quello che abbiamo vissuto finora, in piena pandemia – si legge nell’introduzione -, ha prodotto meno danni dove i responsabili delle varie istituzioni, con la collaborazione dei cittadini, sono stati persone mature umanamente ed eticamente, sufficientemente competenti e disposte a farsi aiutare, e risolvere le varie emergenze, da scienziati ed esperti. Ma ha prodotto più danni dove i responsabili sono stati immaturi, riprovevoli dal punto di vista etico e incompetenti. E tante sono state le domande, che in piena crisi, ci siamo posti sul senso del potere. Per diverse di esse questo saggio offre una risposta».

L’autore analizza i tanti aspetti antropologici ed etici che stanno alla base di queste dinamiche, perché chi esercita il potere «è prima di tutto uomo o donna, con tutto il suo carico fisico, intellettuale ed emotivo».

Il libro è disponibile sia in lingua italiana che spagnola.

In base alle disposizioni previste dal decreto legge n° 175 del 23-07-21, sarà possibile partecipare all'iniziativa solamente se in possesso di Certificazione Covid-19 (Green Pass) e previa prenotazione all'indirizzo email associazione@cercasiunfine.it. Sarà possibile effettuare la prenotazione sino ad esaurimento dei posti disponibili.

Lascia il tuo commento
commenti