Prodotti tipici, beni culturali e lotta all’inquinamento delle campagne

Fondazione Albenzio-Patrino: tre borse di studio da 2500 euro

L'intento è premiare i lavori di ricerca inerenti la valorizzazione del paniere dei prodotti tipici e la biodiversità agroalimentare

Cultura
Cassano sabato 03 novembre 2018
di La Redazione
Cuore della Puglia, borse di studio da 2500 euro
Cuore della Puglia, borse di studio da 2500 euro © nc

Come rendere più attrattivo il territorio della Puglia centrale attraverso la ricerca e l’innovazione nel campo della valorizzazione dei prodotti tipici e dei beni culturali e contrastando l’inquinamento delle campagne.

A questo punta il bando, promosso dalla Fondazione Albenzio Patrino di Cultura e Cooperazione Europea di Cassano e dall’Associazione di Comuni “Cuore della Puglia”, che istituisce 3 borse di studio da 2500 euro.

Destinatari dell’avviso, ricercatori, laureati, gruppi di lavoro universitari e istituti scolastici.

Patrocinato dai Comuni di Acquaviva delle Fonti, Andria, Altamura, Casamassima, Cassano delle Murge, Cellamare, Corato, Gravina in Puglia, Putignano, Rutigliano e Turi, il bando intende premiare i lavori che produrranno «significativi avanzamenti conoscitivi o proposte innovative per l’attivazione di cicli e processi di sviluppo endogeno e sostenibile delle condizioni e delle opportunità economiche, produttive, sociali, ambientali e territoriali delle aree aderenti al sodalizio “Cuore della Puglia” nonché dei territori adiacenti».

Le domande dovranno essere presentate per via elettronica.

Entro il 18 novembre 2018 dovranno essere inviate le precandidature con un abstract del lavoro in corso di svolgimento.

Entro il 15 dicembre 2018, invece, dovrà essere presentata la candidatura completa, con la consegna di lavoro di ricerca e di ogni documentazione utile.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.cuoredellapuglia.it, sui siti istituzionali e sugli albi pretori del Comuni.

Lascia il tuo commento
commenti