In programma dall’1 al 7 aprile 2019 a Cassano delle Murge

I “Corpi” protagonisti della sesta edizione di “Cassanoscienza"

Presentata la manifestazione di divulgazione scientifica organizzata dall’Istituto Leonardo Da Vinci e dall’agenzia Multiversi

Cultura
Cassano lunedì 01 aprile 2019
di La Redazione
Cassanoscienza 2019
Cassanoscienza 2019 © n.c.

Dall’astronomia alla robotica, dal macro al microcosmo, passando per la danza, le metafore letterarie e la buona tavola: saranno i “Corpi” in tutte le loro accezioni i protagonisti della sesta edizione di “Cassanoscienza” la manifestazione di divulgazione scientifica, organizzata dall’Istituto Leonardo Da Vinci e dall’agenzia Multiversi, in programma dall’1 al 7 aprile 2019 a Cassano delle Murge, in provincia di Bari.

Il primo festival scientifico italiano gestito dagli studenti dell’istituto “Leonardo Da Vinci” che nel corso della settimana trasformeranno la scuola in un grande laboratorio da presentare a visitatori esterni e alle scolaresche provenienti dai paesi limitrofi. Una mostra su Leonardo Da Vinci, 15 incontri e conferenze spettacolo con relatori di fama internazionale, 21 laboratori, giochi matematici, 7 itinerari turistici. Sarà una settimana densa di iniziative in programma dalla mattina alla sera. Oltre all’Istituto Leonardo da Vinci, gli eventi interesseranno piazza Aldo Moro, palazzo Miani-Perotti, agriturismo Murà a Cassano delle Murge, e palazzo De Mari ad Acquaviva delle Fonti.

La scienza dalle aule in piazza: l’obiettivo della manifestazione è di stimolare curiosità ed interesse al fine di rimuovere i tabù e “contagiare” di passione scientifica l’intera comunità.

«Il festival Cassanoscienza è una manifestazione culturale di alto contenuto scientifico, che abbraccia vari settori del sapere, è uno stimolo verso la conoscenza e un modo diverso di fare scuola, di introdurre l’innovazione didattica e metodologia nelle aule, è lo specchio della creatività giovanile e dello spirito imprenditoriale che è insito nei ragazzi, è un’occasione di crescita per tuti i cittadini è la scuola che si apra l territorio è un’esperienza valida per l’orientamento permanente è l’evento di Cassano delle Murge che riesce a coinvolgere tutti dai bambini agli adulti di ogni età», dichiara la dirigente scolastica Daniela Caponio dell’istituto “Leonardo Da Vinci”.

Tra gli ospiti che si alterneranno durante le giornate ci sono: Giorgio Dendi enigmista e divulgatore scientifico con i suoi giochi matematici e la sua conferenza spettacolo “Scommettiamo che perdi?” (1 aprile, ore 18); Antonio Moschetta, professore ordinario di Medicina interna all'università Aldo Moro di Bari, con un incontro dal titolo “Cibo, ambiente e geni: il nostro libretto di istruzioni per prevenire e curare meglio” (2 aprile ore 11); Adrian Fartade, attore teatrale, youtuber e divulgatore scientifico con lo spettacolo “Moriremo tutti! – Storie di come abbiamo immaginato la fine del mondo” (2 aprile, ore 16.30); Floriana Esposito docente di Informatica che parlerà dell’Apprendimento Automatico e il “corpo di conoscenze” di un sistema intelligente (3 aprile, ore 11); Nicoletta Vallorani, scrittrice, traduttrice e docente di letteratura inglese all'Università degli Studi di Milano terrà una conferenza su “Anti/Corpi” (3 aprile, ore 16); Luca Balletti, matematico e divulgatore scientifico al CNR di Genova parlerà di “Scienze in a box – Luce e colore” (4 aprile ore 11); Alessio Perniola, fisico, direttore scientifico di Multiversi-divulgazione scientifica terrà la conferenza spettacolo “Verso l’infinito e oltre” (4 aprile, ore 18).

Si continua con Cristiano Galbiati professore di Fisica a Princeton e di Astrofisica delle particelle al Gran Sasso Science Institute dell’Aquila che parlerà de “Le entità oscure. Viaggio ai limiti dell’Universo” (5 aprile ore 16); Gaetano Grasso terrà un incontro dedicato alla letteratura dal titolo “Una comunità di lettori e il suo corpus letterario” (5 aprile ore 18.30). Attesissima la conferenza di Dario Bressanini chimico e divulgatore scientifico e Beatrice Mautino biotecnologa e divulgatrice scientifica dal titolo “Dagli OGM al “bio”, falsi allarmi e verità nascoste del cibo che portiamo in tavola” (5 aprile ore 19).

Il coreografo Vincenzo Abascià e l’architetto Beth Vermeer, terranno una conferenza su “Il corpo e lo spazio – tutto e nulla” (6 aprile ore 10);
Luca Perri astrofisico presso l’Università dell’Insubria e l’Osservatorio di Brera e astronomo dell’Osservatorio di Merate sarà a Cassano delle Murge con la conferenza spettacolo “Astrobufale – Tutto ciò che sappiamo, ma non dovremmo sapere, sullo spazio”(6 aprile ore 11). Domenica 7 aprile il festival si sposta ad Acquaviva delle Fonti, a palazzo De Mari (ore 18) con Sandro Sublimi Saponetti biologo e docente di antropologia fisica e Ilaria Vigliarolo, archeologa specializzata in Antropologia e paleonutrizione con la conferenza “Scienze per l’archeologia. Il caso del Signore di Castiglione”.

A rendere ancora più attrattiva l’edizione di quest’anno ci sarà l’esclusiva mostra “Cibarie Leonardesche. Edizione Zero Uno” a cura di Beth Vermeer, architetto del paesaggio e critico d’arte, fondatrice di Design for Everyday Life. La mostra verrà inaugurata lunedì 1 aprile alle ore 11.

A cinquecento anni dalla morte del genio italiano la mostra intende rendergli omaggio facendo conoscere al grande pubblico il suo lato creativo meno conosciuto: il suo rapporto con il cibo e il suo ruolo da scenografo di banchetti festosi durante gli anni al servizio di Lorenzo Il Magnifico e da Ludovico il Moro a Milano.
La mostra sarà visitabile presso il Palazzo Miani di Cassano delle Murge dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13 e dalle 16,30 alle 20, domenica dalle 16,30 alle 20.

Tra gli appuntamenti cardine della manifestazione ci sarà, sabato 6 aprile a partire dalle 17, la Fiera della scienza, che trasforma la piazza del paese e alcune vie del centro storico in un vero “luna-park” della scienza dove si potrà assistere ad esperimenti ed esperienze scientifiche, spiegate con rigore, ma attraverso un approccio informale. L’intera cittadinanza sarà chiamata a interagire nelle varie dimostrazioni per vivere l’esperienza in prima persona.

E sempre sabato, alle 20,30 in piazza Aldo Moro ci sarà la premiazione dei vincitori del concorso “Scienza in azione - Premio Liliana Pietroforte”

Per i laboratori interattivi, visitabili dal martedì al sabato dalle 9 alle 13, c’è No smoking be happy a cura della Fondazione Umberto Veronesi che svolgerà la sua attività sensibilizzazione sull’impatto del tabagismo e attraverso il laboratorio “Io Vivo Sano contro il fumo” fornirà corrette informazioni scientifiche sui danni provocati dal tabacco e sui benefici di una vita senza fumo.

E ancora altri 21 laboratori aperti a tutti che tratteranno l’argomento Corpi, passando dalla fisica all’astronomia, dalla salute allo sport e alla bellezza. Ne “Il corpo tra piacere e dipendenze” si indagherà, per esempio, su alcuni casi di attrazione verso qualcosa che piace, ma che, può trasformarsi in bisogno, provocando danni al corpo; oppure “Corpi in equilibrio: la fisica del circo”; “Corpi in movimento: la fisica nel tempo libero; Alla scoperta dei corpi celesti: dalla Luna a Marte!” che celebrando proprio quest’anno i 50 anni dallo sbarco sulla Luna, si racconteranno i miti e le leggende sul satellite della Terra e sul pianeta Rosso, altra meta dell’esplorazione umana.

O infine “Cambia-mente!” metti alla prova le tue convinzioni più radicate ed impara a riconoscere le bufale sul cancro - a cura dell’AIRC che fornirà una serie di risposte alle domande più frequenti sul cancro con l’intento di far capire quali sono le fonti attendibili e i comportamenti sani da adottare.

La scienza si abbina anche alla natura: imperdibili diventano, quindi, gli Itinerari turistici proposti ai quali si può partecipare prenotandosi tramite mail o telefono iat.cassanomurge@libero.it; info. 080.321.16.08.

Tra questi si segnala il viaggio alla scoperta dei pozzi e del carsismo con “Le vie dell’acqua: il sistema circolatorio del borgo antico”; “Il corpo difensivo: le mura e i torrioni, sulle tracce della cinta muraria medievale di Cassano delle Murge”; e infine “Curiosi di natura: un’esplorazione della Murgia con occhi diversi!”.

Da non perdere tra gli appuntamenti serali: venerdì 5 aprile alle 20.30 con la cena-evento legata alla mostra “Cibarie leonardesche” e che permetterà di assaggiare i piatti rinascimentali (si partecipa su prenotazione); sabato 6 aprile alle 20 con “La danza – L’arte che presenta il corpo” coreografie di danza contemporanea di Vincenzo Abascià, presentazione di Beth Vermeer, danzano Valentina Marino e Noemi La Porta. Sabato 6 aprile alle 21 in piazza Aldo Moro ci sarà anche uno spettacolo di teatro acrobatico “About bodies”, regia di Michele Diana in collaborazione con l’associazione “Un Clown per Amico”.

È possibile prenotarsi alle conferenze e ai laboratori tramite la compilazione di un form presente sul sito dell’Istituto “Leonardo Da Vinci” (https://www.liceocassano.gov.it/cassanoscienza/cassanoscienza-2019/483-prenota-on-line-cassanoscienza-2019.html)

Cassanoscienza è una manifestazione realizzata in collaborazione con: Comune di Cassano delle Murge; Wonderfoul Life World Organization; Fondazione Umberto Veronesi; Regione Puglia; Presìdi del Libro di Cassano delle Murge; Lions International; Leo Club Cassano Murge; Infopoint Cassano delle Murge; Club per l’Unesco di Cassano delle Murge; Airc; Mondadori Bookstore; Design for Every Day life; AbArt.

Le dichiarazioni in conferenza stampa

Mari Pia DI Medio - Sindaco di Cassano

"Cassanoscienza per noi è molto importante e come comune ci siamo impegnati a fare cose per far proseguire questa iniziativa in piena collaborazione. Perché il Liceo di Cassano è una bellissima realtà che deve essere valorizzata al massimo. Ha avuto un impatto forte sulla divulgazione scientifica. Senza il Leonardo da Vinci il Cassanoscienza non esisterebbe. È un evento che va reso sempre più importante. Perché la conoscenza è alla base della civiltà".

Davide Carlucci - Sindaco di Acquaviva

"Scorrendo il programma si nota un alto livello qualitativo della manifestazione. Questo festival è molto importante. Se ci fossero più persone in grado di fare impresa con le loro conoscenze scientifiche ne gioverebbe tutto il territorio, facendo crescere anche l'indotto economico. Siamo fieri di sostenere questo festival anche con l'associazione Cuore di Puglia".

Beth Vermeer

"Bello il collegamento tra il giovane Leonardo e i giovani che hanno lavorato alla realizzazione di questo festival. Come Leonardo si è proposto alla corte di Ludovico il moro così i giovani devono mettere a frutto la loro creatività e le loro competenze per la crescita del territorio. Nella mostra ci sono 30 opere tra poesie, pittura, scultura - design di artisti che hanno ciascuno a suo modo interpretato Leonardo e la sua vita".

Info
www.cassanoscienza.it,
www.liceocassano.gov.it

Lascia il tuo commento
commenti