Musica

Premio "Sveva Classica" per le giovani eccellenze musicali: sul podio il cassanese Christian Ugenti

I premi vengono ogni anno destinati ai giovani artisti più promettenti sulla scena musicale italiana

Cultura
Cassano mercoledì 05 agosto 2020
di La Redazione
Christian Ugenti
Christian Ugenti © n.c.

Si è svolta lunedì scorso 3 agosto la serata di assegnazione dei premi “Sveva Classica” conferiti dall’European Arts Academy “Aldo Ciccolini” di Trani.

Nella suggestiva terrazza “Davide Santorsola” a Trani, si sono esibiti Maria Serena Salvemini (violino, 14 anni, molfettese) e Gianluca Montaruli (violoncello, 22 anni, di Foggia), diretti dal “nostro” Christian Ugenti alla guida dell'Orchestra Filarmonica Pugliese.

La terrazza era gremita da un pubblico entusiasta; tra gli ospiti anche figure illustri, tra cui il viceministro dell’economia e delle finanze Antonio Misiani e i direttori dei conservatori di musica di Bari e Foggia.

Il programma, un elegante viaggio dalla musica barocca italiana al classicismo viennese: la giovanissima violinista Salvemini ha aperto la serata con musicalità e virtuosismo eseguendo “Il Trillo del Diavolo” di Tartini, passando poi al famosissimo Concerto per Violino ”L’Estate” di Vivaldi.

Nella seconda parte della serata, Montaruli ha eseguito con eleganza il Secondo Concerto di Haydn per violoncello e orchestra op.101.

I solisti sono stati accompagnati dalla bacchetta appassionata ed esperta di Christian Ugenti.

Una serata particolarmente sentita data la difficile situazione in cui si trova attualmente la musica eseguita dal vivo - ha dichiarato il M° Ugenti -. È sempre incredibilmente emozionante poter assistere e suonare con giovani musicisti così talentuosi: questo fa capire di quanto l'arte sia la più grande fonte di bellezza e lo spunto migliore per il perfezionamento individuale”.

Ugenti ha anche espresso il suo pensiero in merito al nostro territorio: “Non capisco perché Cassano abbia perso la bussola riguardo la musica, specialmente quella classica. A differenza di quanto molti affermano, il nostro è un bellissimo paese popolato da gente incredibilmente assetata di eventi: basterebbe poco per poter realizzarne alcuni di grande portata culturale. Personalmente non smetto mai di avanzare idee e progetti, ad oggi sto lavorando su un paio di iniziative e spero che sia la volta buona per intraprendere un cammino di rinascita musicale e turistico”.

Lascia il tuo commento
commenti