Il fatto

Opposizione: «Con la Di Medio dal 'senza zaino' al 'senza libri'»

La denuncia delle minoranza: «Gli studenti della Scuola Media sono ancora senza libri»

Politica
Cassano martedì 05 febbraio 2019
di La Redazione
Libri scolastici in cartoleria
Libri scolastici in cartoleria © n.c.

«Gli studenti sono ancora senza libri, ma fra un po’ l'anno scolastico è finito!».

E' la denuncia dei consiglieri di opposizione che in merito hanno presentato una interpellanza alla sindaca.

«Sarà il nuovo modello di scuola - si legge in un comunicato delle minoranze - ricercato della Di Medio, dopo il senza zaino, arriva il “senza libri”. Il Comune, per di più, che fa? Chiede i giustificativi di spesa per l’acquisto (ricevuta, ecc.). Altra stranezza dell'Amministrazione Di Medio. I libri devono essere forniti alle famiglie da parte della scuola (per gli aventi diritto in comodato d'uso), non devono comprarli i genitori dalla cartoleria, è il Comune che deve sostenere la spesa attraverso il contributo regionale.Si rischia di perdere il contributo della Regione. Come consiglieri di opposizione siamo costretti ancora una volta a interpellare il Sindaco, atteso che dobbiamo controllare il loro operato, perché oltre al disagio per le famiglie non si aggiunga un danno economico per il Comune».

La vicenda è spiegata nell'interpellanza. il cui testo pubblichiamo integralmente.

Oggetto: contributo regionale per acquisto libri in comodato d’uso – Interpellanza.

Premesso che:

per l’anno scolastico 2018/19 la scuola Perotti-Ruffo ed il Comune di Cassano delle Murge hanno optato nuovamente per il comodato d’ uso gratuito dei libri di testo come misura di sostegno al reddito delle famiglie con figli frequentanti la scuola secondaria di primo grado;

di ciò ne è data comunicazione attraverso il sito istituzionale della Regione Puglia;

il 20/08/2018 la Regione Puglia ha aperto la procedura online per la richiesta del comodato d’ uso e le famiglie aventi titolo avevano facoltà di presentare la domanda on-line;

il 20/09/2018 sono stati prorogati i termini per l’inserimento on-line delle richieste di comodato d’uso e che la procedura scadeva il 02/10/2018;

all’inizio di quest’ anno scolastico la scuola ha distribuito alle famiglie, che hanno fatto richiesta on-line, i libri usati negli scorsi anni scolastici stante la non disponibilità dei nuovi libri adottati dal Consiglio d’Istituto;

nel mese di novembre, la Segreteria della Scuola Secondaria di Primo Grado e l’Ufficio Comunale dei Servizi Scolastici, sollecitati dalle famiglie, non hanno saputo dare informazioni in merito alla distribuzione dei nuovi libri di testo mancanti, tant’è che il personale, genericamente, riferiva che la scuola ed il Comune non avevano ricevuto la delibera dell’impegno di spesa per poter procedere all’acquisto;

per alleviare il disagio degli studenti, è stato chiesto alla Scuola di procurare, agli alunni, fotocopie di alcune pagine dei libri in questione, in modo da consentire agli stessi di svolgere regolarmente le attività didattiche, soprattutto a casa; richieste evase non senza difficoltà!

alcuni dei compiti, inoltre, assegnati a casa, prevedono anche l’ascolto e/o l’utilizzo del CD allegato ai libri tuttora, però, mancanti;

ogni pomeriggio, anche fino a tarda sera, per svolgere al meglio i compiti assegnati, i ragazzi ed i genitori, con non poche distrazioni, sono costretti ascambiarsi le immagini-scansionidelle pagine dei libri mancanti tramite smartphone, e, successivamente, per chi ne ha la possibilità, le stampe su carta;

il 13 novembre 2018 il Comune di Cassano delle Murge ha pubblicato, tramite il sito istituzionale e il proprio profilo Facebook, il comunicato prot. n. 14260 con il quale avvisava i cittadini interessati di presentare i giustificativi delle spese sostenute per l’acquisto dei libri di testo, con espresso riferimento agli “alunni delle scuole secondarie di 1° e 2° grado”;

detto comunicato, però, non ha potuto trovare applicazione per gli alunni delle scuole Medie, in quanto, chi ha fatto domanda per il comodato d’uso gratuito dei libri, di fatto, non ha acquistato nessun libro e pertanto in realtà nessuno sarebbe in possesso di giustificativi di spesa;

va ricordato, inoltre che, l’addettadell’ Ufficio comunale dei Servizi Scolastici, è stata assente per circa un mese - tra dicembre 2018 e gennaio 2019 - , sostituita momentaneamente da personale proveniente dal Settore Servizi Sociali; ne deriva che, verosimilmente, neanche il Responsabile del Settore è a conoscenza di tali questioni e delle oggettive difficoltà della Scuola ripercossesi sulle famiglie che hanno subìto tali disfunzioni.

Tutto ciò premesso e, alla luce di quanto esposto, si interpella il Sindaco per conoscere:

  • quali sono i motivi che hanno causato il disagio descritto, tanto che ancora oggi, alla fine del primo quadrimestre, i ragazzi della scuola media delle sezioni del cosiddetto sistema “Misto” (che utilizzano la modalità cartacea, per intenderci) non hanno ancora ricevuto i libri spettanti, venendo meno, così, strumenti atti a garantire un sostegno al Diritto allo studio, ovvero mettere a disposizione dei ragazzi i libri per consentir loro di esercitarlo?
  • Si chiede, in ultimo, di fornire precise spiegazioni sull’iter fin qui attuato dall’assessorato competente così come indicato nel comunicato succitato, con il quale si è chiesto alle famiglie di presentare i giustificativi di spesa. Agli scriventi appare più che fondata la preoccupazione che, all’oggettivo danno già arrecato ai ragazzi e al disagio procurato alle famiglie, si possa aggiungere la beffa di perdere i fondi regionali (potrebbero essere restituiti alla Regione), considerato che tale opzione, non può essere applicabile.
Lascia il tuo commento
commenti