La nota

Zullo, Piano di Zona: «Ora che non c'è più il sindaco filo-Emiliano, possiamo conoscere la verità?»

Il capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo, chiede che sia audito in Commissione il commissario prefettizio

Politica
Cassano martedì 19 novembre 2019
di La Redazione
Ignazio Zullo
Ignazio Zullo © n.c.

“La speranza è che ora che c’è il commissario prefettizio a Grumo Appula e non più l’ex sindaco, del presidente Emiliano, sarà più facile ottenere, dall’assessore regionale al Welfare, Salvatore Ruggeri, le rendicontazioni di spesa e notizie relative al Piano di Zona 2014-2017, che raccoglie oltre Grumo (capofila) i Comuni di Toritto, Sannicandro, Binetto, Cassano Murge e Acquaviva".

Lo dichiara Ignazio Zullo, capogruppo regionale di Fratelli d’Italia.

Infatti - afferma Zullo -, non riesco a trovare altre motivazioni per le risposte evasive che ho ottenuto finora, nonostante abbia sollevato più volte i ritardi nell’approvazione del Piano 2018-2020, mentre si continuavano a spendere le quote accreditate dalla Regione Puglia. Stiamo parlando di circa 800mila euro, vale a dire 40mila euro annui per 20 anni, mentre i Piani sono solo triennali, il tutto per realizzare una ‘ordinaria’ piscina che nulla a che vedere con gli scopi per cui dovrebbero essere utilizzate le risorse di zona. Anzi, mentre venivano e vengono tuttora impegnate risorse in strutture natatorie veniva sospesa l’assistenza domiciliare agli anziani e ai disabili e offerta un’assistenza specialistica in ambito scolastico ai disabili frammentaria e disomogenea".

Per questo, ora che il ‘disagio politico’ di avere come interlocutore un sindaco sostenitore di Emiliano è finito - conclude Zullo - chiedo che venga audito in Commissione Sanità il commissario prefettizio, almeno da una voce ‘terza’ sarà possibile fare chiarezza sui tanti interrogativi e, forse, illegittimità che sono state commesse”.

Lascia il tuo commento
commenti