L'iniziativa

Battista, PD: «Di Medio fallimentare, ora riannodiamo i fili della politica»

L'appello del Partito Democratico alla sinistra cassanese e alle espressioni più responsabili della società civile di Cassano

Politica
Cassano mercoledì 01 luglio 2020
di La Redazione
Enza Battista
Enza Battista © PD

Riannodiamo i fili della politica cassanese.

E' l'invito che la segretaria del PD cassanese, Enza Battista, rivolge alle varie anime della sinistra cassanese e alle espressioni più responsabili della società civile di Cassano.

Invitate a prendere parte ad un incontro "aperto, inclusivo, in cui discutere del futuro della nostra cittadina", messo a repentaglio dalla "fallimentare" amministrazione Di Medio.

L'incontro promosso dal Partito Democratico si terrà venerdì 3 luglio 2020, alle 18.30, nei locali di via V. Emanuele III, 8.

«Il degrado del nostro paese - afferma la Battista - è ormai sotto gli occhi di tutti, tra erba alta strade sconnesse, immobili abbandonati. Davanti ad un’amministrazione sorda anche di fronte a proposte, che scambia l’assise del consiglio comunale come palcoscenico, in cui fare monologhi tutt’altro che politici, fino ad arrivare a scene mai viste in altri consessi, sottraendosi al confronto addirittura abbandonando l’aula del consiglio comunale. La politica è altro, la politica DEVE essere altro. La politica è confronto, è dibattito, è progettazione. Ѐ tempo di dire basta, è necessario riprenderea fare la vera politica. Ѐ tempo di riannodarci.

Sì, Riannodiamo. Questo il termine che meglio può rappresentare questa fase politica in cui ci stiamo cimentando. Crediamo sia giunto il momento di promuovere un dibattito pubblico aperto, inclusivo, in cui discutere del futuro della nostra cittadina. Le sterili contrapposizioni non aiutano nessuno. La politica deve avere la capacità di guardare oltre, avanti. Abbiamo la necessità di “ascoltarci”. Nessuna cattedra e nessun pregiudizio, ma umiltà di ascoltare. Una fase importante in cui costruire solida fondamenta su cui progettare un futuro possibile, non solo soddisfacente per tutti, ma ottimale per tutti.

La stagione politica e amministrativa che stiamo vivendo è fallimentare. Incapace di governare i problemi, impreparata nella gestione ordinaria, inesistente nella progettazione del domani. Non ci è concesso di navigare a vista e attendere che il tempo risolva; rischiamo danni irreversibili. Il momento è adesso.

Nel recente passato troppo spesso ci si è cimentati nel costruire muri, spesso pretestuosi e senza visione. E’ tempo di abbatterli e costruire ponti, “riannodare” settori politici, sociali, professionali, economici. Il futuro è di tutti e tutti devono averne responsabilità. Un semplice, ma crediamo efficace, appello a quanti vogliono insieme a noi e in piena libertà promuovere idee, senza primogeniture di sorta, per continuare un cammino insieme, permeo di rispetto reciproco e con sguardo aperto e scevro da contrapposizioni anacronistiche. Un rinnovato senso di responsabilità che dobbiamo a noi, ai nostri figli, alla comunità a cui apparteniamo e in cui viviamo. Noi ci siamo. Riannodiamo».

Lascia il tuo commento
commenti