Motori

Formula 1: Antonio Giovinazzi dell'Alfa Romeo Racing Orlen al Kartodromo della Murgia

Il talento pugliese - unico italiano quest'anno a correre in F1 - nei giorni scorsi si è allenato sulla pista della famiglia Masiello per preparare il debutto in campionato sul "Red Bull Ring" in Austria

Altri Sport
Cassano sabato 27 giugno 2020
di La Redazione
il pilota Antonio Giovinazzi
il pilota Antonio Giovinazzi © Gianni Spina

Non solo l’aria fine, la foresta, la gastronomia. Ma anche le "curve".

Sì, Cassano vanta ormai un altro importante “attrattore”, molto, molto particolare,che non solo regge, ma migliora con il tempo.

È il Kartodromo della Murgia, il circuito internazionale creato e gestito dalla famiglia Masiello.

Per la bellezza della pista, per i servizi forniti a piloti, tecnici e accompagnatori, la pista cassanese è sempre più punto di riferimento del Motorsport pugliese e non solo.

A confermarlo ancora una volta, caso mai fosse necessario, è la presenza eccezionale di Antonio Giovinazzi.

Il 27enne pilota di Martina Franca, unico italiano in questa stagione a correre in Formula 1 - a bordo dell’Alfa Romeo Racing ORLEN - nei giorni scorsi si è allenato più volte sulla pista cassanese.

Il talentuoso Giovinazzi, accompagnato dal suo staff, ha scelto il Kartodromo della Murgia, e la tranquillità che gli ha assicurato Nino Masiello, per rifinire la preparazione in vista dello "start" della stagione agonistica 2020, che prenderà ufficialmente il via nel fine settimana tra il 3 e 5 luglio in Austria.

Gli ultimi chilometri in pista - prima di affrontare lo storico circuito del “Red Bull Ring” - Giovinazzi li ha corsi proprio sul circuito cassanese, a bordo di un potente kart messo a disposizione da Francesco Goffredo, figura storica del kart italiano.

Giro dopo giro, Giovinazzi ha macinato (molto velocemente) chilometri su chilometri, cercando di rifinire al meglio la condizione fisica – fondamentale per domare gli oltre 700 cavalli di una monoposto da Formula 1 – e di trovare la giusta concentrazione per affrontare una stagione che si annuncia molto impegnativa, anche a causa della pandemia che ha stravolto il calendario delle gare e concentrato gli impegni agonistici.

Presenti nel paddock anche gli “Svalvolati on the pit”: Lazzaro Andriola, Francesco Servodio e Gianni Spinelli del team sportivo cassanese hanno voluto fare a nome di tutti gli amanti dei motori cassanesi un grande in bocca al lupo al pilota dell’Alfa Romeo, regalandogli una maglietta della squadra che organizza la Selettiva Sud del Cnv Moto Asi, iniziato proprio domenica scorsa sul Circuito del Sele a Battipaglia.
Lascia il tuo commento
commenti